Civitanova, i senatori escono allo scoperto sui mancati pagamenti. Vis, cogli l’attimo: 70 tifosi biancorossi ci credono

di 

17 gennaio 2015

PESARO – La domanda sorge spontanea: meglio una squadra grandi firme, terza in classifica ma che, per ammissione degli stessi giocatori, non riceve rimborsi da dopo settembre oppure una squadra terz’ultima in classifica, quindi a rischio retrocessione ma che, per parola del suo massimo dirigente (durante la cena di Natale), chiuderà l’attuale stagione sapendo fin da ora di poter onorare tutti gli impegni economici?

La premessa del derby Civitanovese-Vis Pesaro è tutta qui. Dove tra numeri, quelli positivi, spiccano i circa 70 tifosi pesaresi che nonostante tutto continueranno a stare vicini alla squadra e domenica saranno presenti al Polisportivo di Civitanova dove, per la cronaca, la Vis non ha mai fornito prestazioni banali: vittoria per 4-0 due anni fa, tra gli applausi dei sostenitori di casa, e pareggio per 2-2 con tantissime assenze tre stagioni indietro con il primo Bonvini in panchina. Insomma, cercasi insistentemente colpaccio per rimediare al pareggio subito, 7 giorni fa, in zona Cesarini contro l’Amiternina. Perché conti alla mano servono 25 punti per raggiungere la salvezza diretta: non si potranno più sbagliare gli scontri diretti in casa ma si dovrà iniziare anche a far risultato lontano dal  Benelli.

Zanigni in azione all'andata contro la Civitanovese

Zanigni in azione all’andata contro la Civitanovese

Non sarà semplice: la Civitanovese, dopo una settimana piena di turbolenze (dalla roboante sconfitta di Matelica alle spiegazioni del presidente Patitucci poi ricalibrate da quelle dei suoi stessi senatori per conto di tutta la squadra), è chiamata a spazzare sul campo ogni spiffero di crisi a ridosso del derby con la Maceratese (che si giocherà tra 7 giorni). Nel dettaglio: Morbiducci, Amodeo, Degano e Ferrini ieri hanno letto a nome di tutti (anche degli allenatori) un comunicato chiarissimo: «Desideriamo informare stampa e tifosi che ad oggi abbiamo preso solo i rimborsi di due mesi. Crediamo sia necessario rendere noto il disagio in cui versa una parte dei giocatori. Nessuno ha intenzione di attuare una qualsiasi forma di protesta nei confronti della società. Vogliamo solo agire per la trasparenza dei fatti e nella tutela del nostro operato, visti i raggianti risultati ottenuti e l’impegno profuso finora. Continueremo con la stessa dedizione e con la massima professionalità nel proseguo del campionato. Ci assumiamo totalmente la responsabilità della prestazione di Matelica. Ci hanno fatto piacere le dichiarazioni del presidente, tese a rassicurare. Però, al momento, alcune promesse non sono state mantenute”. Oggi il dg Bresciani ha replicato con una lettera da lui firmata. Ecco il testo integrale:

 

«La Civitanovese è salda come una roccia. Ribadisco la mia più totale fiducia nei confronti del nostro Presidente Luciano Patitucci che sarebbe in grado di acquisire Società professionistiche sin da subito: la sua solidità è trasparente e insindacabile. Bisogna avere il massimo rispetto per chi ad oggi ha permesso che questa Società possa continuare ad esistere!!! La Società ad oggi ha sborsato 110.000 € per debiti pregressi appartenenti alla precedente gestione e più di 200.000 € per questa stagione e con ancora più forza proverà a vincere questo campionato in anticipo rispetto al piano triennale previsto. Ribadisco, ci vuole rispetto e gratitudine per chi ha deciso di investire il proprio denaro in una realtà come quella di Civitanova senza ottenere nulla in cambio. Il Presidente Patitucci aveva due giorni fa espresso la situazione attuale che era di ripristino amministrativo: per essere più chiari, il 15/12/2014 presso lo studio del Dott. Santini alla presenza del Presidente e della Dott.ssa Santinello è stato redatto un verbale di assemblea per il cambio di amministratore della FC CIVITANOVESE 1919, che vedeva il nostro attuale Presidente Luciano Patitucci anche nuovo Amministratore Unico per rendere più facile la gestione contabile amministrativa ed avere quindi la possibilità di operare in piena autonomia superando così le difficoltà burocratiche che il gruppo B&L (amministrativamente parlando, non essendo un suo settore quello sportivo) poteva creare. Questo agli occhi di tutti deve essere indicativo in quanto un Presidente che vuole essere in prima linea al fianco di giocatori, dirigenti, Staff si prende in prima persona tutte le responsabilità che una Società Sportiva può portare, facendo un passo a breve nell’acquisizione dell’intero pacchetto di quote sociali. Chiaramente, questo cambio di amministrazione che da pochi giorni è stato evaso presso la Camera di Commercio, ha rallentato il processo gestionale. Nella giornata di venerdì il Presidente ha versato nelle casse sociali della Società l’importo necessario per la sistemazione in toto di quei ragazzi in difficoltà, come specificato nel comunicato degli stessi giocatori, che verrà eseguita nei primi giorni della prossima settimana, precisando che un rimborso di un tesserato di questa stagione è comunque pari a due mensilità di un comune operaio. Rimane singolare che i promotori di questo comunicato (Amodeo, Pintori, Ferrini e Degano) siano proprio quelli che ad oggi hanno già visto onorate le proprie spettanze e chi operato da un crociato come Morbiducci in marzo del 2014 e che ad oggi a distanza di otto mesi lo staff tecnico mi dice non essere ancora pienamente recuperato e per questo poco utilizzato. Ma prendo atto di tutto, perché la riconoscenza esiste in pochi di noi. Mi sbagliavo nell’attribuire al panettone la sconfitta di Matelica, sarà forse dovuta ad altro? Non vorrei immaginare che i ragazzi abbiano preso la palla al balzo per giustificare una prestazione senza precedenti e una simile mancanza di rispetto per una maglia tanto gloriosa e per una moltitudine di tifosi accorsi in massa in trasferta per sostenere la squadra in una gara decisiva. Non ci voglio credere! Ma trovo inopportuna, e chi parla può permettersi di dirlo vista la carriera che ho alle spalle, anche la scelta di divulgare un comunicato 24 ore prima di una partita così determinante: questo potrà anche comportare una serie di provvedimenti che vedranno protagonisti giocatori, staff tecnico e sanitario. Nei miei dodici mesi a Civitanova ho dimostrato con i fatti la passione, serietà e l’attaccamento nei confronti di questa maglia portandola nei primi posti ed è proprio per questi motivi che la fiducia nei miei confronti non deve mancare. E se mai mi rendessi conto di aver perso questo rapporto privilegiato con città e tifosi non esiterei per il bene della Civitanovese ad andarmene: proprio per questo oggi pomeriggio incontrerò personalmente i capi delegazione della tifoseria organizzata».

La domanda, in ottica pesarese, è ora chiarissima: come reagirà, sul campo, la Civitanovese?

La Vis, quantomeno, spera in un disorientamento rossoblù. Anche perché dovrà scendere al Polisportivo Comunale largamente rimaneggiata per le assenze di Martini (infortunato), più De Iulis ed Evacuo squalificati. Tornano a disposizione Teodorani, ma il titolare sarà ancora Osso, e Filippucci. Bonvini dovrebbe riaffidarsi al 3-5-2 con Zanigni, unica punta di ruolo rimasta a disposizione, appoggiato in attacco o da Bugaro o dal rigenerato Rossi. Scelta fondamentale perché da questo ne conseguirà tutto lo schieramento con lo stesso Bugaro in lizza anche per coprire tutta la fascia mancina. Più probabile che si opti, almeno in partenza, per una difesa più blindata, rispolverando Pangrazi al fianco di Labriola e Brighi, e confermando capitan Giovanni Dominici come cursore esterno. Sarà un derby nel derby per Ruffini, ex capitano della Civitanovese.  E sarà una partita speciale anche per lo stesso Bonvini che, da calciatore, ha vestito la maglia rossoblù per una stagione.

Al “Polisportivo Comunale” sarà di scena una terna friulana. Sarà infatti Riccardo Turchet della sezione di Pordenone a dirigere con la collaborazione degli assistenti Marco Gerometta ed Edoardo Naccari entrambi della sezione di Udine.
Tutti e tre gli ufficiali di gara non hanno precedenti con rossoblù e biancorossi.
 Turchet è un secondo anno e finora ha racimolato 22 gare in categoria. Curiosità: ha debuttato in Serie D in Pro Piacenza – Inveruno coadiuvato da Naccari (completava la terna Mel di Pordenone).
Il primo assistente Gerometta è anch’egli al secondo anno ed ha all’attivo 23 gare “sbandierate” in Interregionale di cui 14 in coppia con Naccari.
Naccari è invece al terzo anno ed ha alle spalle 40 partite.

Prezzo d’ingresso per il settore ospiti  è di 10 euro, botteghini regolarmente aperti a partire dalle ore 13:30.

Ricordiamo la diretta web di Civitanovese-Vis Pesaro su www.pu24.it a cura del nostro inviato, Emanuele Lucarini, e la radiocronaca diretta su Radio Prima Rete.

Classifica Girone F

Maceratese 42
Alma Juventus Fano 38
Civitanovese 37
Sambenedettese 36
Campobasso 33
Matelica 31
Jesina 26
San Nicolò 26
Chieti 26
Giulianova 21
Amiternina 20
Fermana 20
Recanatese 19
Castelfidardo 17
Termoli 14
Vis Pesaro 13
Celano Marsica 11
Olympia Agnonese 10

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>