Grande successo per la presentazione del volume “Vallefoglia Identità, memoria, prospettive”

di 

17 gennaio 2015

Vallefoglia Identità, memoria, prospettive” quale titolo migliore per il volume presentato ieri sera venerdì 16 gennaio 2015 alle ore 20,30 a Montecchio presso l’Hotel Blu Arena. Queste sono tre termini che meglio definiscono il nuovo comune di Vallefoglia nato dalla fusione dei Comuni di Colbordolo e Sant’Angelo in Lizzola a decorrere dal 1° gennaio 2014

Il pubblico presente alla presentazione

Il pubblico presente alla presentazione

Equidistante da Pesaro e da Urbino, dunque baricentrico rispetto ai centri maggiori della nostra provincia e anche alla Romagna, Vallefoglia riveste un ruolo strategico nel contesto territoriale marchigiano. Con oltre quindicimila abitanti è il quarto comune della Provincia di Pesaro e Urbino in ordine di popolazione residente, ed è tra i venti più popolosi delle Marche; può contare su un tessuto socio economico complesso, che supera i confini amministrativi per estendersi ai comuni limitrofi e che, nonostante la profonda recessione economica degli ultimi anni, ha saputo garantire livelli di disoccupazione inferiori alla media provinciale, regionale e nazionale. Tuttora la realtà industriale di Vallefoglia è tra le principali della provincia: seppure in crisi, il distretto del mobile e le produzioni a esso collegate (meccanica per la lavorazione del legno, lavorazione del vetro e refrigerazione industriale), rappresentano un’eccellenza del suo sistema economico. Specie nell’ultimo decennio si sono qui sviluppate conoscenze tecniche di alto livello che, unite a un ben radicato e vitale spirito imprenditoriale, costituiscono uno dei principali fattori sui quali puntare per fronteggiare al meglio le nuove sfide internazionali.

Ma Vallefoglia, con il suo territorio fertile caratterizzato dalla presenza del fiume Foglia, ha grandi potenzialità anche per quanto riguarda il settore agroalimentare, da sempre uno dei suoi punti di forza. Ecco perché, nell’impostare le politiche di sviluppo, grande importanza è stata attribuita alla valorizzazione delle peculiarità agricole ed enogastronomiche, che va di pari passo con il potenziamento del ruolo turistico e ricreativo di questa realtà. Il turismo è infatti uno degli elementi chiave per riprogrammare lo sviluppo del nuovo territorio.

Con tale visione è stata promossa la realizzazione di questo volume, che ha lo scopo di presentare la “nuova” realtà di Vallefoglia, nata dalla fusione di Colbordolo e Sant’Angelo in Lizzola, paesi di antichissime origini che condividono una storia comune, specie a partire dal medioevo. Dai Montefeltro ai Malatesta fino ai Della Rovere, ultimi signori delle terre devolute allo Stato Pontificio nel 1631, dopo la scomparsa di Francesco Maria II, Vallefoglia ha una storia ricca, le cui vicende particolari sono fittamente intrecciate con quelle di Pesaro e di Urbino.

Tra i primi atti della nuova Giunta c’è la richiesta del titolo di Città, che viene concesso dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministero dell’Interno “ai comuni insigni per ricordi, monumenti storici e per l’attuale importanza”; recentemente sono stati approvati dal Consiglio Comunale lo stemma e il Gonfalone, anch’essi in attesa di approvazione da parte degli organi competenti.

Vallefoglia. Memorie e prospettive è una sorta di primo biglietto da visita, offerto ai turisti ma anche ai cittadini residenti, per facilitare la costruzione di un’identità unitaria, pur rispettosa delle peculiarità di ciascuno di questi bellissimi borghi e castelli. Un’identità fondata proprio su tali importanti radici, nella consapevolezza della necessità di strategie lungimiranti per affrontare le sfide del presente e quelle del futuro.”

Numerosi gli interventi coordinati dal giornalista Michele Romano che hanno reso la serata piacevole e molto interessante dal punto di vista storico e culturale. Sono intervenuti il Sindaco del Comune di Vallefoglia, Sen. Palmiro Ucchielli, il Presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, Daniele Tagliolini, Cristina Ortolani, curatrice del volume e Michele Romano, giornalista.

Il Sindaco Ucchielli e la Giunta Comunale si ritengono soddisfatti per l’entusiasmo che ha suscitato questa iniziativa e ringraziano i numerosi partecipanti che hanno preso parte all’iniziativa e che hanno ricevuto in omaggio una copia del volume.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>