Escrementi di cane non raccolti dai proprietari: arrivano multe da 100 euro

di 

20 gennaio 2015

PESARO – Per il sindaco: «Ciao, sono Alessandro, ho sette anni e un grossissimo problema». E’ una lettera scritta in stampatello ordinato, rigatura con margini, spaziature prima-seconda elementare. Che dopo il preludio, va dritto al punto: «Abito in via Scaroni e sempre per andare a scuola devo evitare le cacche dei cani sul marciapiede di via Ugolini. Anche stamattina io e mia mamma per andare a messa ne abbiamo contate cinque. E’ ora di fare qualcosa?».

Matteo Ricci non se lo lascia ripetere, e nella corrispondenza epistolare annuncia il giro di vite: «Caro Alessandro – risponde il sindaco – la tua lettera è precisa, puntuale e la condivido. Ti ringrazio, perché credo che tante persone maleducate dovrebbero prendere esempio da te. Anche da questi comportamenti si misura il livello di civiltà e il rispetto delle persone. A Pesaro ci sono molti amanti degli animali. Abbiamo 14 sgambatoi, sosteniamo il canile, stiamo lavorando per una spiaggia per i cani. Ma chi non raccoglie gli escrementi non ama la città. E, di conseguenza, neanche gli animali». Così Ricci prima allarga il ragionamento: «Il mio auspicio è che la tua lettera faccia riflettere e vergognare le persone maleducate. Crediamo nel valore della cultura e nell’impegno delle nuove generazioni». Poi vira sulla tolleranza zero: «Il Comune sta mettendo a punto meccanismi sempre più deterrenti, coinvolgendo nel controllo anche i volontari del quartieri. Saremo inflessibili: le sanzioni saranno applicate con rigore. Abbiamo 30 postazioni ad hoc già installate per la raccolta: colonnine con cestini, sacchetti e pannelli informativi. Altre 15 se ne aggiungeranno nei prossimi giorni, finanziate, tra l’altro, con le risorse del premio vinto come ‘Comune riciclone’. Bisogna rispettare il senso civico e vigileremo». La multa prevista? Cento euro.

2 Commenti to “Escrementi di cane non raccolti dai proprietari: arrivano multe da 100 euro”

  1. guido scrive:

    SONO DACCORDISSIMOOOOOOO

  2. Simona Ricci scrive:

    tassare a scopo educativo e punitivo per chi non rispetta l’educazione e la civiltà é stra giusto.dubito che si trovi qualcono contrario. Raddoppierei anche la sanzione e destinerei un 50% della multa ai canili o associazioni inerenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>