Il Carnevale? Quest’anno parte da Candelara. Appuntamento domenica

di 

21 gennaio 2015

Candelara è in festaCANDELARA – Il Carnevale quest’anno parte da Candelara. Il piccolo borgo attorno alle colline di Pesaro batte tutti e celebra per primo in provincia di Pesaro e Urbino la festa più divertente dell’anno.

Protagonisti saranno, manco a dirlo, i bambini. Ad organizzare “Candelara è in festa”, questo il nome dell’iniziativa, un inedito quanto originale gemellaggio: quello tra l’Associazione turistica Pro Loco di Candelara e l’Ente Carnevalesca di Fano.

E dunque domenica 25 gennaio nel piccolo centro collinare (diventato famoso in tutta Italia per la festa dedicata alle candele), sarà ospitata la prima festa di Carnevale della provincia.

L’intento degli organizzatori è quello di offrire un evento pensato per far divertire i più piccoli ma anche i loro genitori. Per questo l’attivissima e creativa Pro Loco invita tutti a raggiungere Candelara già mascherati.

L’appuntamento per grandi e piccini sarà nel borgo di Santa Lucia a partire dalle ore 15 con l’animazione della Musica Arabita di Fano (banda ufficiale del Carnevale di Fano) e della Banda e Gruppo Folkloristico di Candelara.

Alle ore 17.30, alla presenza delle autorità e degli artisti partecipanti, sarà inaugurata, nella Sala del Capitano, “Carneval È Arte: luci, allegorie e finzioni”, una mostra che vuole celebrare l’arte carnascialesca italiana, curata da Lorenzo Fattori. Il professor Alberto Berardi, uno dei massimi studiosi del Carnevale in Italia, interverrà per spiegare l’importanza di questa iniziativa che valorizza gli aspetti culturali-artistici di una delle feste più amate dalla popolazione. Alessandro Bianchi sarà la voce ufficiale della serata.

Due le sezioni della mostra: nella Sala dell’orologio sarà possibile vedere i progetti, le tavole ed i modellini dei grandi carri allegorici di Fano e i manifesti storici del Carnevale di Fano, il più antico d’Italia. Sarà esposto anche il dipinto originale di Emanuele Luzzati utilizzato per i manifesti per le edizioni del carnevale dal 1998 al 2002.

Nella seconda sezione nove artisti contemporanei, provenienti da diverse aree geografiche della nostra nazione, racconteranno le magie, le atmosfere gioiose del tempo carnascialesco attraverso il loro linguaggio artistico. In mostra le opere dei fanesi Pierluigi Piccinetti (modellini e pitture) e Paolo Del Signore (teatrini dipinti). Ci saranno poi le pitture del tedesco Thomas Orthmann e le dame veneziane dell’urbinate Mario Logli. E ancora le maschere di Luigi Rincicotti (fanese di nascita, ma veneto di adozione); gli acquarelli del piemontese Alberto Lanteri; i bozzetti dei carri viareggini di Eleonora Francioni; le pitture gestuali della laziale Marina Funghi e infine le ceramiche fantasiose della pesarese Anna Rosa Basile. Sarà possibile richiedere visite per singoli o gruppi anche in altri orari contattando il curatore della mostra. La mostra è a ingresso libero.

Ma non è finita qui. Per tutto il mese di febbraio nel borgo e all’interno del castello medievale saranno esposte delle sculture in resina smontate dai carri delle precedenti edizioni del Carnevale di Fano. Si tratta di vere e proprie opere d’arte realizzate dai grandi maestri carristi di Fano.

A tutti gli intervenuti sarà offerto del vin brulé. Sarà inoltre allestito uno stand in cui verranno preparate frittelle di mele e le tradizionali castagnole, tipico dolce del Carnevale marchigiano.

“Candelara è in festa”, rappresenta un’anticipazione delle tre sfilate dell’edizione 2015 del Carnevale invernale 2015 che avranno luogo l’1, l’8 ed il 15 febbraio.

L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Pesaro e Urbino, del Comune di Pesaro, del Comune di Fano, del Comune di San Giorgio di Pesaro, delle città di Marino, Venezia, Viareggio, Urbino e del Consiglio di “Quartiere n. 3 delle colline e dei castelli”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>