“Giorno della Memoria”, 70esimo anniversario della liberazione: flash mob in piazza del Popolo. Il programma

di 

23 gennaio 2015

PESARO – Un flash mob per non dimenticare. Una pietra per rafforzare un’antica tradizione che il popolo ebraico si tramanda di generazione in generazione. L’iniziativa, in programma nell’ambito delle celebrazioni del “Giorno della Memoria”, si terrà in piazza del Popolo e vedrà coinvolti un migliaio di studenti.

La riunione in Prefettura

La riunione in Prefettura

Martedì 27 gennaio, ricorrerà il 70esimo anniversario della liberazione del campo di Auschwitz – Birkenau (Polonia). Dal 2000, per commemorare le vittime della Shoah, il Parlamento italiano ha istituito il “Giorno della memoria”. Anche quest’anno, il Comune di Pesaro – Presidenza del Consiglio comunale, ne onorerà il ricordo con una serie di iniziative.

Si inizierà alle 9.15 al teatro Sperimentale dove confluiranno gli studenti degli istituti superiori pesaresi; seguirà il saluto delle autorità e successivamente il conferimento delle medaglie ai reduci internati (Imi – internati militari italiani), per poi dar voce a docenti e studenti. Ultimo atto, in piazza del Popolo per assistere al flash mob.

“Quest’anno ricorre il 70° anniversario della liberazione di Auschwitz, avvenuta il 27 gennaio 1945 – ricorda il presidente del Consiglio comunale Luca Bartolucci – e, a maggior ragione, il ‘Giorno della Memoria’ assume un valore ancor più particolare. Ecco perché, oltre alle celebrazioni tradizionali è in programma anche un evento speciale. Abbiamo accolto infatti con entusiasmo l’iniziativa proposta dagli studenti di mettere in atto un flash mob in piazza, proponendo le foto di centinaia e centinaia di ebrei rinchiusi e uccisi nei campi di sterminio nazisti. Per non dimenticare mai l’orrore dell’Olocausto”.

Le medaglie quest’anno saranno attribuite ai militari italiani internati. “Si tratta di quei militari – conclude Bartolucci – che non hanno voluto combattere al fianco dei nazifascisti e per questo sono stati internati in campi di concentramento. La quasi totalità ha pagato con la vita questa disobbedienza al male e chi è rimasto vivo ha convissuto con questo drammatico ricordo per il resto dei giorni. Anche il Bene ha testimoni silenziosi, costruttori dell’umanità”.

Ecco il programma dettagliato

Teatro Sperimentale

  1. ore 9.15-9.30 ingresso scuole e autorità
  1. ore 9.40 saluto del sindaco Matteo Ricci e del prefetto Luigi Pizzi
  1. ore 9.50 conferimento medaglia a reduci sopravvissuti
  2. ore 10.10 introduzione di un docente in rappresentanza delle scuole
  3. superiori di Pesaro
  4. ore 10.15 alfabeto della memoria a cura degli studenti delle scuole superiori

di Pesaro

ore 11.30 conclusione dell’iniziativa

  1. ore 12 flash mob in piazza del Popolo

 

GIORNO DEL RICORDO

Il gruppo in Prefettura

Il gruppo in Prefettura

Martedì 10 febbraio 2015 alle ore 10.00 nel Salone Metaurense della Prefettura di Pesaro e Urbino verrà celebrato, insieme al Comune di Pesaro, il Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale, secondo il seguente programma

Ore 10.00

– Saluto delle Autorità:

Sindaco, Matteo Ricci

Presidente del Consiglio comunale, Luca Bartolucci

Presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, Daniele Tagliolini

Rappresentante Comunità Giuliano-Dalmata di Pesaro, Falco Santin

Prefetto di Pesaro e Urbino, Luigi Pizzi

A seguire:

– Conferimento a una vittima dell’eccidio di un riconoscimento alla memoria

– Intervento dello Storico, prof. Paride Dobloni

 

Dal 27 gennaio/Mostra fotografica, Piccola Galleria comunale, via Branca

“In particolare… Auschwitz”

A partire da martedì 27 gennaio (e fino al 1 febbraio), alla Piccola Galleria Comunale (via Branca n. 5) è in programma la mostra fotografica di Marco Lani dal titolo “In particolare…Auschwitz”.

L’inaugurazione si terrà, alle ore 17, in occasione del Giorno della Memoria, istituito nel 2000 dal Parlamento Italiano come giornata in commemorazione delle vittime della Shoah. Fu esattamente 70 anni fa, il 27 gennaio 1945 che le truppe dell’Armata Rossa arrivarono ad Auschwitz e scoprirono il campo, liberando i pochi superstiti rimasti. Grazie alle testimonianze dei sopravvissuti, per la prima volta venne svelato al mondo intero tutto l’orrore del genocidio nazista e di quello che accadde all’interno del lager.

L’allestimento, che è stato organizzato e ideato da Marco Lani, ha il patrocinio del Comune di Pesaro.

La mostra nasce con lo scopo di mantenere vivo il ricordo di quello che da molti è considerato il “buco nero” della storia attuale, per non dimenticare ciò che successe in quegli anni all’interno dei campi di sterminio; vuole essere una testimonianza dei luoghi della sofferenza di migliaia e migliaia di persone attraverso gli occhi del fotografo che vuole valorizzare e far scoprire attraverso il suo obiettivo dei punti di vista diversi e più particolari ,andando a cogliere tutti quei “dettagli”; vuole essere un omaggio a tutte quelle persone che hanno subìto la deportazione, la prigionia e hanno trovato la morte a causa dell’ideologia nazista.

Settantesimo anniversario della Liberazione: La Resistenza celebrata

I manifesti dell’Anpi di Pesaro-Urbino mostra storico-documentaria. Pesaro, Musei civici

27 gennaio-14 febbraio 2015

Inaugurazione

Martedì 27 gennaio Giorno della Memoria

ore 17

Gli ebrei nella Resistenza europea

conversazione con Antonella Tiburzi

(Associazione nazionale ex deportati, Milano)

ore 18

Saluti dell’Amministrazione comunale

Claudio Maderloni (Anpi Marche)

Giuseppe Scherpiani (Anpi provinciale di Pesaro e Urbino)

Costantino Di Sante e Marco Roscetti (curatori della mostra)

Orari di apertura

da martedì a domenica dalle 16 alle 19

su prenotazione dalle 9 alle 12

info e prenotazioni per gruppi e istituti scolastici 0721451550

e-mail: iststoriapesaro@provincia.ps.it

Iniziative in occasione della mostra

Venerdì 6 febbraio ore 17.30

Presentazione del volume Storie di Gap. Terrorismo urbano e Resistenza (Einaudi 2014)

Riccardo Paolo Uguccioni (Società pesarese di studi storici) ne discute con l’autore, Santo Peli

Venerdì 13 febbraio, Giorno del Ricordo, ore 17.30

I soldati italiani in Jugoslavia. Dalla Resistenza ai campi di concentramento di Tito

intervengono

Eric Gobetti (Istituto Storico di Torino) e Costantino Di Sante (Istituto di storia contemporanea di Pesaro e Urbino)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>