Tanta gente in Prefettura per il seminario sulla C.N.V., la comunicazione non verbale

di 

26 gennaio 2015

PESARO – Nella mattinata odierna, presso il Salone Metaurense della Prefettura di Pesaro, organizzato dalla Polizia di Stato, si è tenuto un seminario sulla C.N.V. (Comunicazione Non Verbale), dedicato agli operatori delle forze dell’ordine.

Il seminario, dal titolo “Il linguaggio della menzogna – Come riconoscere la falsa testimonianza dell’ipotetico terrorista, dell’indagato o del semplice cittadino”, fortemente voluto dal questore di Pesaro e Urbino Antonio Lauriola, si poneva l’obiettivo di fornire all’operatore di polizia degli utili strumenti per capire se il suo interlocutore, dall’indagato al cittadino che rende una testimonianza, gli sta mentendo.

In considerazione dell’elevato interesse della tematica trattata, il questore Lauriola ha voluto estendere l’invito ad assistere ai lavori anche alle altre forze di polizia e forze armate della provincia, nonché ai poliziotti delle Questure e di altri reparti di polizia della Marche e delle regioni limitrofe. Notevole la partecipazione di pubblico (in tutto 150 operatori dei vari corpi), che ha seguito con grande il relatore Antonio Luce, che nella circostanza si è avvalso anche di filmati relativi a fatti di cronaca come l’omicidio del piccolo Loris e di esempi pratici.

Antonio Luce, psicologo formatore, iscritto all’Albo degli Psicologi del Veneto, da molti anni opera come consulente per le Forze dell’Ordine italiane ed estere, per gli Enti pubblici e le aziende private.

Direttore dell’Istituto di Ricerca sul Linguaggio della Menzogna di Castelbellino in Provincia di Ancona, il dr. Luce è autore di numerosi testi sull’argomento e più volte è stato ospite di reti televisive, in qualità di consulente nell’ambito di programmi di informazione incentrati su episodi di cronaca nera.

Nei prossimi mesi la Questura organizzerà, con le medesime modalità, ulteriori seminari di approfondimento sui medesimi argomenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>