Tentata truffa ad autosalone di Fano: nei guai un 44enne calabrese

di 

26 gennaio 2015

Polizia StradaleFANO – Sabato 24 gennaio il personale del Distaccamento di polizia stradale di Fano, nell’ambito dei servizi di controllo operati per il contrasto del fenomeno dei furti e riciclaggio degli autoveicoli ha sventato un tentativo di truffa ai danni di un rivenditore di auto fanese.

Nella circostanza un 44enne, della provincia di Vibo Valentia, si presentava presso l’autosalone palesando l’intenzione di vendere una vettura Nissan Qashqai, seminuova, immatricolata a fine anno 2014.

Per l’auto, che risultava aver percorso poche centinaia di chilometri, l’uomo chiedeva la cifra di 20.000 Euro, esibendo un documento d’identità, risultato poi falso ed intestato ad ignara persona.

A seguito della segnalazione del rivenditore, insospettito, i poliziotti del distaccamento polizia stradale di Fano intervenivano, effettuando i primi immediati riscontri, fra l’altro raggiungendo al telefono la persona oggetto della sostituzione, che confermava di trovarsi in località diversa da Fano e di non aver mai acquistato l’autovettura in questione.

Una volta bloccato dagli agenti, l’uomo risultava essere un personaggio già noto alle forze dell’ordine quale autore di truffe, consumate nella zona di Roma. Lo stesso, di conseguenza veniva denunciato in stato di libertà alla competente autorità giudiziaria per i reati di tentata truffa, possesso di documenti falsi e sostituzione di persona, mentre la vettura veniva sequestrata.

Si delineava inoltre, il modus operandi utilizzato:

l’uomo, dopo essersi sostituito ad altra persona, ovviamente senza problemi con la giustizia, procurandosi falsi documenti a lei intestati, procedeva all’acquisto di un’autovettura nuova presso un concessionario, aprendo un prestito con una finanziaria e versando solo il minimo richiesto.

Dopo essersi impossessato del mezzo, nel giro di alcune settimane, lo rivendeva ad un commerciante del settore, disposto a versare subito l’intera somma a fronte di un forte sconto, incassando così il denaro prima che la finanziaria potesse accorgersi del raggiro.

Infine, nell’ambito dei controlli del sabato sera finalizzati al contrasto della guida in stato di ebbrezza, la polizia stradale ha ritirato la patente di una ragazza dell’entroterra fanese sorpresa in Fano alla guida in una Volkswagen Up con un tasso alcoolemico di 1,01 g/l, reato perseguito penalmente con l’arresto fino a 6 mesi, una multa da 800 a 3.200 euro e la decurtazione di punti 10 dalla patente (il tutto aumentato di un terzo per aver commesso il fato in ore notturne).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>