Lui pizzaiolo, lei commessa: spacciavano cocaina, la polizia arresta una coppia di Montecchio

di 

28 gennaio 2015

PESARO – Il Personale della Polizia di stato, nel corso dei servizi straordinari di controllo del territorio effettuati in Pesaro, Fano ed Urbino, ha tratto in arresto sei persone per reati vari.

Un momento della conferenza stampa con la merce sequestrata

Un momento della conferenza stampa con la merce sequestrata

Come noto, dalla decorsa estate la Questura di Pesaro e Urbino ha avviato controlli straordinari del territorio provinciale, per la prevenzione e repressione dei reati, in particolare quelli contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti, nonché a verificare l’osservanza delle norme di legge e di regolamento da parte dei titolari di esercizi pubblici.

In tale contesto gli equipaggi della Squadra Mobile e dell’Ufficio Volanti della Questura e dei Commissariati di P.S. di Fano e Urbino, unitamente a quelli di rinforzo del Reparto Prevenzione Crimine di Perugia, nella decorsa settimana hanno identificato 250 persone, controllato 102 veicoli ed effettuate verifiche all’interno di 4 esercizi pubblici (una agenzia di scommesse in Pesaro e tre bar, uno a Pesaro ed due a Fano), elevando varie contravvenzioni.

In particolare la Squadra Mobile, anche con l’ausilio dei colleghi degli altri Uffici coinvolti nei controlli, ha effettuato sei arresti. In un caso è stato rintracciato a Pesaro un 60enne della Provincia di Perugia, il quale doveva scontare la pena della reclusione di 3 anni, 9 mesi e 19 giorni per il reato di atti persecutori nei confronti della consorte.

Inoltre, al termine delle mirate indagini condotte dalla Squadra Mobile, l’Autorità Giudiziaria ha emesso provvedimenti cautelari degli arresti domiciliari nei confronti di una coppia di coniugi di origine albanese, lui di anni 28 pizzaiolo e lei di anni 24, commessa, residenti a Montecchio, responsabili del reato di spaccio continuato di cocaina. I Poliziotti hanno dato esecuzione ai provvedimenti, traendo in arresto la coppia.

Un terzo albanese 28enne, residente a Pesaro, è stato tratto in arresto in esecuzione di un provvedimento di carcerazione, dovendo scontare una condanna ad anni 2 e mesi tre di reclusione, emesso dall’Autorità Giudiziaria, nell’ambito di un’indagine della Squadra Mobile in materia di traffico di stupefacenti.

I controlli straordinari, per il prossimo futuro, diverranno una caratteristica costante dell’operatività della Questura di Pesaro e Urbino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>