Pioggia di soldi sulle donne-imprenditrici: importante iniziativa di Confcommercio e Banca dell’Adriatico

di 

30 gennaio 2015

Roberto Dal Mas, Patrizia Caimi e Amerigo Varotti

Roberto Dal Mas, Patrizia Caimi e Amerigo Varotti

PESARO – Uscire dalla crisi grazie alla donne? Forse non è un’utopia. Aspettando conferme concrete, bella l’iniziativa della Confcommercio Pesaro e Urbino e Banca dell’Adriatico, che hanno preso la palla al balzo dall’accordo nazionale siglato dall’Abi, l’Associazione bancaria italiana, e il governo per agevolare le donne imprenditrici. Donne che hanno già un’attività o che stanno per avviarla.

Nella sede della Banca dell’Adriatico di via Gagarin, stamane sono stati spiegati i dettagli delle iniziative studiate ad hoc per le donne che fanno impresa. Il primo dato è che l’istituto creditizio ha stanziato a livello nazionale un plafond di 600mila euro per rispondere alle richieste che arriveranno entro il 31 dicembre 2015. “Ma l’impegno per le aziende in rosa continuerà anche dopo questa scadenza – hanno spiegato gli intervenuti in conferenza stampa – E’ stato predisposto infatti un prodotto di finanziamento, Business Gemma, che risponde con un’unica soluzione alle tre finalità previste dal protocollo e che resterà nell’offerta di Banca dell’Adriatico dedicata alle imprese femminili e alle lavoratrici autonome. L’accordo consente inoltre di beneficiare gratuitamente della garanzia della Sezione speciale del Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese. E’ prevista anche la possibilità di sospendere fino a 12 mesi il rimborso della quota capitale delle rate al verificarsi di eventi particolari legati alla vita personale. Quest’ultima agevolazione è richiedibile una tantum in caso di maternità, grave malattia o malattia invalidante dell’imprenditrice, di un familiare o di un parente convivente”.

“Banca dell’Adriatico è l’unico istituto della regione che ha aderito a questo importante accordo siglato a livello nazionale – ha spiegato Amerigo Varotti, direttore provinciale di Confcommercio Pesaro e Urbino, che ha preso la parola per primo – Non è una cosa assolutamente banale se consideriamo che negli ultimi 4 anni solo una minima parte delle richieste di credito è stata accolta dal sistema, con 97,2 miliardi di euro non accettate dai vari istituti creditizi. In uno scenario di difficoltà di accedere al credito, la Banca dell’Adriatico garantisce sostegno alle imprese femminili dimostrando grande attenzione al territorio in cui opera”.

Roberto Dal Mas, direttore generale di Banca dell’Adriatico, ha spiegato che a integrazione del canale online e delle attività delle filiali, è stato attivato un numero verde – l’800.303.305 – per fornire informazioni sull’accordo e sulle diverse iniziative a favore dell’imprenditoria femminile. “Come è vero che non tutte le banche hanno aderito, è innegabile che non tutte le associazioni sono state veloci a scaricare a terra questo accordo come fatto dalla Confcommercio Pesaro e Urbino – ha ricambiato i complimenti – Fare accordi tutto sommato è facile, molto più difficile concretizzare la sottoscrizione iniziale”.

E poi ancora: “Non si tratta “solamente” di mettere a disposizione un plafond, cioè dei soldi a tassi di favore, ma dare sostegno alle donne imprenditrici con una serie di misure che tengono anche conto dell’eventuale maternità. Da anni abbiamo pensato una polizza per ridurre gli effetti negativi di eventuali difficoltà”.

Patrizia Caimi, presidente di Terziario Donna Confcommercio, ha spiegato come le imprese femminili nella nostra provincia siano il 22,6% del totale, a cui vanno aggiunte le libere professioniste. “Le donne hanno tenacia, umiltà, passione e spirito di sacrificio. Ecco perché nella crisi, nonostante tutto, le imprese femminili hanno tenuto quando non sono cresciute”.

In chiusura di conferenza stampa, Varotti ha spiegato come questa sia la prima di una serie di iniziative studiate per festeggiare il 70esimo anniversario della fondazione della Confcommercio Pesaro e Urbino. “Partire dalle donne – ha chiosato – credo sia altamente simbolico”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>