Sicurezza fluviale lungo il Metauro, ultimati i lavori al fosso delle Caminate

di 

4 febbraio 2015

Prosegue la collaborazione tra il Consorzio di Bonifica e il Comune di Fano per la manutenzione e la messa in sicurezza dei corsi d’acqua minori. Ieri i tecnici e l’amministratore straordinario del Consorzio, Claudio Netti, hanno accompagnato l’assessore fanese ai Lavori pubblici Marco Paolini sul fosso delle Caminate, dove il Consorzio ha già ultimato tre dei quattro interventi previsti per la messa in sicurezza del territorio. Con loro erano presenti anche gli uomini del Corpo Forestale, che hanno verificato la correttezza delle operazioni svolte e da tempo sono impegnati per controllare le situazioni più critiche.

Quasi-ultimati-i-lavori-al-fosso-delle-Caminate-Sopralluogo-dei-tecnici-del-Consorzio-di-Bonifica-insieme-al-Comune-di-Fano-e-alla-Forestale

Quasi-ultimati-i-lavori-al-fosso-delle-Caminate-Sopralluogo-dei-tecnici-del-Consorzio-di-Bonifica-insieme-al-Comune-di-Fano-e-alla-Forestale

Soddisfazione da parte dell’assessore Paolini che ha apprezzato soprattutto la rapidità degli interventi del Consorzio, che ha anche finanziato tutti i costi delle operazioni, rimediando così alla cronica carenza di manutenzione, assente da anni. L’ultima tranche dei lavori coinvolgerà il territorio di San Costanzo, dove il rio cambia nome per assumere quello di Fosso del Diavolo. Ma per questo si dovranno attendere periodi di maggiore secca, per le difficoltà create dal terreno argilloso ora troppo bagnato.
Oltre a quelli nel Fosso delle Caminate ci sono altri interventi che il Consorzio di Bonifica ha in programma nel prossimo futuro. Tra le priorità individuate: il Rio Crinaccio, il Rio Mansuano e il Fosso di Ponte alto. Da tenere sott’occhio anche il Fosso della Carrara e quello degli Uscenti. Il Comune ha comunque mandato una lettera a tutti i proprietari che hanno un terreno che si affaccia sui fossi affinché si impegnino a pulirli. Ma oltre agli interventi di manutenzione ordinaria i nostri fiumi avrebbero bisogno anche di interventi di manutenzione straordinaria. E anche di questo si è parlato nel corso dell’incontro. Vista l’efficienza e la rapidità degli interventi del Consorzio di Bonifica, in futuro non si è escluso che la collaborazione possa estendersi anche in tale ambito.
Nello stesso pomeriggio l’amministratore straordinario Netti ha poi incontrato i sindaci dell’Unione dei Comuni del Metauro (Saltara, Monte Maggiore, Cartoceto e Serrungarina) che sulla base della Convenzione già siglata tra il Consorzio di Bonifica, la Provincia di Pesaro e Urbino e il Corpo Forestale, hanno chiesto all’Ente di intervenire anche per la sicurezza dei fiumi compresi nel loro territorio. Attraverso il call center al Consorzio sono già arrivate diverse segnalazioni. Nel corso dell’incontro sono state analizzate le situazioni di maggior rischio e presto si arriverà ad un accordo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>