Fano, stella filante di Sivilla: Samb sconfitta 1-0 al Mancini

di 

8 febbraio 2015

FANO – SAMB 1-0

 

FANO: Ginestra, Marconi, Lo Russo, Lunardini, Nodari, Torta, Sivilla, Favo (47′ st Gambini), Sartori (37′ st Bianchi), Borrelli, Sassaroli (16′ st Zhytharchiuk). A disposizione: Marcantognini, Fatica, Cesaroni, Moretti, Carsetti, Palazzi. All. Alessandrini.

SAMB: Marani, Botticini, Vallorani (39′ st Lobosco), Paulis, Borghetti, Pepe, Alessandro, Carteri, Tozzi Borsoi, Menicozzo (27′ st Napolano), Baldinini (27′ st Padovani). A disposizione: Fulop, Fedi, Viti, Franco, D’Angelo, Scarpa. All.: Paolucci.

ARBITRO: Nicolò Marini di Trieste, assistenti Carotenuto di Monfalcone ed Esposito di Tolmezzo.
NOTE: Spettatori circa 2000, trasferta vietata ai tifosi della Samb. Ammoniti: Torta, Favo, Borrelli, Paulis, Borghetti, Zhytharchiuk. Espulso D’Alessandro al 10′ st. Angoli: 3-7

FANO – Tutto nel giro di pochi minuti: Ginestra blocca la girata di Tozzi Borsoi, in area, e Sivilla con un pallonetto pazzesco timbra l’1-0 che tiene viva la corsa del Fano sulla Maceratese e spedisce definitivamente la Samb lontana dalla vetta. Al Mancini, con la solita grande coreografia dei tifosi dell’Alma, vincono meritatamente i granata. Non è bastata la piccola rivoluzione in casa Samb, con Napolano influenzato in panchina, Tozzi Borsoni e D’Alessandro nell’attacco a due e Marani in porta. Primo tempo tattico con poche fiammate, qualche pallone tagliato da Borrelli e una inzuccata fuori di poco di Tozzi Borsoi. La prima svolta al 10′ st: fallo a palla lontana di D’Alessandro su Marconi, l’arbitro vede ed estrae il cartellino rosso. Al 21′ Borrelli calcia sull’angolino basso, Marani la tocca e poi la respinge opponendo il corpo prima che  Pepe, a porta sguarnita, liberi di testa.  E’ il preludio al gol: Tozzi Borsoi si vede negare il gol da Ginestra in due tempi, subito dopo Sivilla lanciato sulla destra salta Marani in libera uscita e piazza il pallonetto perfetto (1-0). Il finale convulso, vede la Samb reclamare per alcuni cartellini ma non riuscire, fondamentalmente, a mettere in difficoltà Ginestra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>