Maltempo, le parlamentari Fabbri e Ricciatti in coro: “Il governo riconosca lo stato di emergenza”

di 

10 febbraio 2015

Maltempo pioggia danni mareggiata Pesaro mare

Un’immagine della zona mare di Pesaro devastata

PESARO – “L’ultima ondata di maltempo ha colpito molte regioni d’Italia e ha messo in ginocchio diversi settori dell’economia: dal turismo, all’agricoltura, alle tante imprese che hanno visto distrutti interi magazzini inondati dall’acqua. Ci auguriamo che venga accolta al più presto, anche nel consiglio dei ministri odierno, la richiesta di stato di emergenza in particolare avanzata dalla Regione Marche, un territorio particolarmente martoriato negli ultimi anni e che ha visto ampi tratti del litorale devastati dalla furia delle acquee, causando ingenti danni alle infrastrutture pubbliche e private e alle attività produttive localizzate sulla costa”. Lo afferma in una nota la senatrice pesarese del Pd Camilla Fabbri.

Sulla stessa lunghezza d’onda Lara Ricciatti, onorevole fanese di Sel, capogruppo in commissione Attività produttive alla Camera dei deputati: “Mi auguro sinceramente che il Governo reagisca prontamente al disastro maltempo e riconosca tempestivamente lo stato di emergenza per le Marche. Lo stato di difficoltà che colpisce diversi settori dell’economia marchigiana è stato aggravato in modo consistente dalle ripetute alluvioni che hanno letteralmente distrutto stabilimenti balneari, ristoranti ma anche attività agricole e capannoni, senza contare i danni complessivi per strade e litorali. Una situazione evidentemente insostenibile per le singole amministrazioni colpite, così come per l’istituzione regionale. Per questo l’auspicio è che il Governo accolga già nel Consiglio dei ministri di oggi la richiesta formulata dalla Regione Marche”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>