Domani a Cristo Risorto Giovanni Paolo Ramonda, responsabile della comunità “Papa Giovanni XXIII”

di 

19 febbraio 2015

PESARO – Venerdì 20 febbraio alle ore 21.00 nei locali della parrocchia di Cristo Risorto a Pesaro (in via Matteucci), si terrà un momento di ascolto e confronto con Giovanni Paolo Ramonda, responsabile generale dell’associazione comunità “Papa Giovanni XXIII” fondata dall’indimenticato don Oreste Benzi.

Il tema della serata, che ha per titolo “Non smettere mai di sorridere alla vita”, intende riflettere sulla testimonianza d’amore per gli ultimi e gli indifesi che sono il cuore del servizio della comunità di cui Ramonda è responsabile. La serata verrà introdotta dal parroco di Cristo Risorto, don Adelio Battarra il quale in diverse occasioni aveva ospitato lo stesso don Oreste Benzi e tanti suoi collaboratori creando una sintonia d’intenti che ancora oggi lega la comunità di Cristo Risorto all’esperienza della comunità Papa Giovanni XXIII. Durante la serata il coro parrocchiale intonerà canti di preghiera per entrare nello spirito della serata e alla conclusione della testimonianza si accoglieranno domande da porre a Giovanni Paolo Ramonda.

Giovanni Paolo Ramonda

Giovanni Paolo Ramonda

Giovanni Ramonda nasce a Fossano, in provincia di Cuneo, il 3 maggio 1960, settimo e ultimo figlio di Stefano e Maria; in questa famiglia respira un clima di semplicità, rispetto, preghiera ed accoglienza che segneranno per sempre la sua vita.

È sposato con Tiziana Mariani dal 1984. Hanno 3 figli naturali e 9 accolti che vivono con loro da molti anni nella casa famiglia di Sant’Albano Stura, in provincia di Cuneo.

Ramonda ha incontrato la Comunità Papa Giovanni XXIII a 19 anni quando, durante le vacanze di Natale del 1979, va a Rimini per conoscere da vicino questa esperienza. Rimane subito colpito dall’intenso cammino di fede e di condivisione che caratterizza le case famiglia; ha inoltre l’opportunità di incontrare personalmente don Oreste Benzi che gli propone di andare a vivere nella casa famiglia di Coriano. Ramonda accetta la proposta e sceglie di svolgere il servizio civile nella Comunità Papa Giovanni XXIII.

Nel 1980 apre con Tiziana Mariani, che poi diventerà sua moglie, ed altri giovani, la prima casa famiglia della Comunità in Piemonte. Dal 1981 è responsabile della Comunità Papa Giovanni XXIII per la zona Piemonte e dal 1998 vice responsabile generale dell’associazione, divenuta nel frattempo “Associazione internazionale di fedeli di diritto pontificio”, che opera attualmente in 25 Paesi del mondo.

In virtù di questo incarico, dopo la morte di don Benzi avvenuta il 2 novembre 2007, assume ad interim le funzioni del responsabile generale fino all’assemblea straordinaria convocata per il 12 e 13 gennaio 2008 al Palacongressi di Rimini.

Il 13 gennaio 2008 l’assemblea dei votanti – costituita dai 156 delegati e dai responsabili delle 46 “zone” in cui l’associazione è articolata in Italia e in molti altri Paesi del mondo – lo elegge al primo turno, con il 79% delle preferenze, responsabile generale della comunità Papa Giovanni XXIII, primo successore di don Oreste Benzi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>