Zaffini: “Nessuno crede che le Marche abbiano tra le sanità migliori d’Italia”

di 

19 febbraio 2015

Roberto Zaffini

Roberto Zaffini

Roberto Zaffini*

PESARO – I sindaci di Pesaro e Fano se la prendono con la Regione per i tagli alla Sanità ed in particolare all’Azienda Marche Nord. Spacca durante il suo intervento nella seduta del Bilancio 2015 se la prende con il Governo Renzi affermando che la “virtuosità non solo non è stata presa a parametro per premiare le Regioni più virtuose, ma ha rischiato di divenire elemento di penalizzazione”. Spacca ha portato ad esempio proprio la sanità. “Il nostro sistema – ha detto – è uno dei migliori in Italia. Le premialità ottenute ci consentono di compensare parzialmente i tagli, senza abbassare i livelli essenziali di assistenza, dove le Marche ormai sono immediatamente a ridosso di Emilia e Toscana”.

Comuni, Regione, Governo sono tutti della medesima parrocchia, se la cantano e se la suonano! Che le Marche abbiano la Sanità fra le migliori in Italia ormai non ci crede più nessuno, soprattutto nella nostra provincia, lo testimoniano le fughe verso le regioni del nord di sempre più pazienti e non ci credono soprattutto gli abitanti dell’entroterra con la chiusura di Cagli e Fossombrone, costretti a pellegrinaggi spesso multipli per l’affollamento del pronto soccorso di Fano e Pesaro e per la drammatica carenza di posti letto che ci vede fanalino di coda a livello regionale. Nella nostra provincia sono a rischio o siamo già sotto i LEA, i livelli essenziali assistenziali. Le scellerate scelte e le battaglie dei comitati delle varie città devastate dalla Riforma delle Reti Cliniche hanno reso nervosi gli esponenti del PD locale che ora cercano di ricorrere ai ripari ma il tempo è scaduto. Queste dichiarazioni sembrano più stimolate dalle prossime elezioni regionali che dal milione e mezzo di euro che mancano alla nostra provincia… fossero solo quelli!

*Consigliere regionale Fratelli d’Italia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>