Il Fano si sbarazza dell’Agnonese e mette l’ipoteca sul secondo posto

di 

22 febbraio 2015

FANO – AGNONESE 4-1

Alma Juventus Fano (4-3-1-2): Ginestra; Marconi (23’ st Moretti), Torta, Fatica, Lo Russo; Favo, Lunardini, Borrelli; Olivi (38’ st Palazzi); Gucci, Sivilla (30’ st Sartori). A disp.: Marcantognini, Carpineta, Mistura, Cesaroni, Bussaglia, Carsetti. All.: Alessandrini.

Olympia Agnonese (4-1-4-1): Biasella; Carpentino, Pifano, Natalini, Litterio; Perrotta (7’ st Lisi); Pagliuca (42’ st Gentile), Catalano (42’ st Sabelli), Ricamato, Pettrone; Saltarin. A disp.: Esposito, Faggiano, Ibe, Maresca, Santoro, Serrone. All.: Donatelli.
ARBITRO: Scatigna di Taranto.
RETI: 10’ pt Sivilla, 26’ pt Gucci, 37’ pt Ricamato, 3’ st Favo, 15’ st Lo Russo.
NOTE: spettatori 800 circa. Ammoniti Pettrone, Pifano, Torta, Natalini. Angoli: 10-5 per il Fano. Recupero: 1’, 3’.

Favo festeggia il gol. Foto tratta dal sito internet del Fano Calcio

Favo festeggia il gol. Foto tratta dal sito internet del Fano Calcio

FANO – L’Alma si sbarazza dell’Agnonese con un perentorio 4-1 e consolida il secondo posto a +4 dal Campobasso e +5 dalla Samb. I gol: al 7’ Olivi tenta dal limite, Biasella respinge come può ma sulla palla vagante piomba Sivilla che firma l’1 a 0. L’Agnonese reagisce e al 24′ Catalano cerca l’incrocio, Ginestra gli nega il gol con un miracolo. I granata tengono bene il campo e al 26′ si gustano il bis, Borrelli fa quello che vuole e dalla sinistra fa piovere in mezzo un cross per Gucci che realizza per il 2-0. Un disimpegno errato della retroguardia granata rimette in carreggiata l’Agnonenese che al 36′ accorcia con un bolide di Ricamato. Dopo pochi minuti della ripresa l’Alma mette in archivio l’incontro: al 48′ Favo piomba su un cross basso dalla destra e anticipa tutti per la marcatura che vale il 3 a 1. Al 60′ Lo Russo spara una bordata di sinistro che chiude i giochi.  Il giovane Vittorio Favo festeggia il gol dopo un periodo difficile. “Non è stato un periodo facile – commenta il centrocampista granata -, ho sempre lavorato per recuperare da questo infortunio”. Il gol? “Ci ho creduto e sono piombato sulla sfera anticipando tutti. E’ facile fare bene quando puoi contare su giocatori forti come ci sono qui, per noi giovani ci sono tutte le condizioni per crescere”. Favo dedica la rete “a mia sorella e a mio nonno che mi dicono sempre che non segno mai. Una menzione la voglio fare pure alla mia famiglia e ai miei compagni che mi sono stati vicini in questi mesi, resi difficili dall’infortunio”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>