Primarie Pd Regione, Marcolini nel Montefeltro: “Un piano di rilancio delle aree interne”

di 

22 febbraio 2015

Il candidato alle primarie del centrosinistra per la presidenza della Regione, sabato 21 febbraio era a Piandimeleto, Monte Grimano Terme e Sassocorvaro. Con lui l’onorevole Alessia Morani e l’assessore regionale Almerino Mezzolani

Per Pietro Marcolini, candidato alle primarie del centrosinistra per la presidenza della Regione Marche, la giornata di sabato è stata intensa, passata ancora una volta dentro i comuni del Montefeltro. E’ stato il suo terzo appuntamento con l’entroterra pesarese, partito da Piandimeleto, dove ha partecipato ad un incontro sulle evoluzioni del marchio Qm, e chiuso con i cacciatori a Sassocorvaro passando prima per il centro di Monte Grimano Terme.

Pietro Marcolini ha presentato uno dei principali progetti del suo programma: “Ho illustrato il rilancio dell’entroterra a Pesaro perché bisogna avere una visione unitaria delle Marche e far capire che montagna, collina e costa sono interdipendenti. Perché il piano delle aree interne si fa solo se diventa regionale. Dopo anni di spopolamento, di desertificazione delle aree montane, è tempo di puntare sul turismo, sull’agroalimentare di qualità, sull’arte e sulle bellezze paesaggistiche. Dalla cura del territorio, che non viene abbandonato, possiamo tutelare anche la costa dai danni”.

Parla di 160milioni di euro destinati proprio dalla politica comunitaria alla regioni “che devono essere intercettati attivando collaborazioni fortemente ancorate al territorio”. Un progetto complesso che riguarda, prima di tutto, l’assetto idrogeologico: “Sono tre settimane che giro l’entroterra e ho visto personalmente i danni provocati da soli due giorni di pioggia; è evidente che le alluvioni dei fondovalle e delle città della costa nascono dall’abbandono delle aree interne, a partire dal dissesto idrogeologico”. Non solo: “Dobbiamo tutelare il paesaggio e ripopolare l’entroterra con progetti locali di sviluppo su cultura, turismo, patrimonio, agricoltura biologica e di qualità, e cura della popolazione anziana”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>