Allarme Ant, a Pesaro raccolte fondi a domicilio non autorizzate

di 

24 febbraio 2015

fondazione antPESARO – La disonestà umana non ha limiti. Una considerazione inevitabile di fronte all’ignobile gesto di qualcuno che ha pensato bene si spacciarsi per addetto Ant, l’associazione nazionale tumori, e chidere soldi a domicilio o addirittura per telefono.

“In virtù di alcune segnalazioni pervenute negli ultimi giorni – si legge in un comunicato stampa – la Fondazione Ant Italia onlus, presente nella provincia di Pesaro e Urbino da 27 anni con le delegazioni di Pesaro, Urbino, Fano, Fermignano e Gabicce, desidera precisare che non ha mai effettuato e non effettua campagne di raccolta fondi a domicilio, né tanto meno per via telefonica”.

La fondazione, che offre assistenza gratuita ai sofferenti oncologici, fa prevenzione, formazione e ricerca, informa che le sue attività soo possibili dalle donazioni ed erogazioni di privati cittadini, entu pubblici, banche e fondazioni. E poi rammenta le forme di donazione che sono le seguenti:

• versamento sul conto corrente postale n. 11742616
• versamento online con carta di credito, collegandosi al sito www.ant.it
• versamenti diretti presso le sedi della fondazione presenti in Italia o presso i banchetti gestiti dai volontari delle piazze italiane, con rialscio di regolare ricevuta
• lasciti testamentari (per informazioni contattare nicoletta.silvestri@ant.it)
• 5×1000, scegliendo nella dichiarazione dei redditi di destinare il 5 per mille dell’Irpef alla fondazione Ant Italia Onlus, inserendo nell’apposito spazio il codice fiscale 01229650377.

Grazie alla raccolta fondi, Ant quotidianamente assiste 3.300 sofferenti di tumore, a domicilio e con un approccio di tipo ospedaliero, garantendo la dignità e qualità della vita (“Eubiosia” fino all’ultimo giorno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>