Philoshow, nasce lo show di Popsophia

di 

24 febbraio 2015

“Il cantante deve convincere delle sue tesi. Contrariamente al filosofo, però, lui può farlo senza argomenti” scriveva nel 1998 Manlio Sgalambro nella sua Teoria della canzone. I fenomeni pop, spesso proprio i più insospettabili, contengono una vitalità filosofica che sfugge al primo sguardo, ma non scampa certo al radar di Popsophia.

Il Philoshow – così è stato definito il nuovo format – nasce dal desiderio di contaminazione dei generi che rappresenta il cuore stesso della sfida culturale di Popsophia. La filosofia riesce in questo modo a confrontarsi con un mondo che, al contrario di quanto si possa pensare, ha da sempre veicolato contenuti di grande interesse filosofico ed esistenziale. Popsophia non è nuova a questo genere di iniziative: con la produzione delle Popsoirée di Pesaro e Tolentino, la volontà è stata quella di portare alle estreme conseguenze il binomio che unisce il pop alla filosofia associando le parole dei filosofi a montaggi cinematografici e musica dal vivo.

Chiara Pietroni e i musicisti di Popsound nella formazione del 27 Gennaio 2015 per "Gam Gam, pensieri, immagini e canzoni",  ritratti dello staff del philoshow realizzati da Andrea Chemelli

Chiara Pietroni e i musicisti di Popsound nella formazione del 27 Gennaio 2015 per “Gam Gam, pensieri, immagini e canzoni”,
ritratti dello staff del philoshow realizzati da Andrea Chemelli

Una squadra che gli affezionati della manifestazione hanno imparato a conoscere: la video art di Marco Bragaglia che si è già cimentato con la regia di “Gam Gam, pensieri, immagini e canzoni”; le istallazioni scenografiche di Matteo Catani; la regia televisiva di Riccardo Minnucci; le riprese video di Colette Pacini; la voce recitante dell’attrice Chiara Pietroni e la diretta twitter della social manager Federica Nardi.

Ma la novità artistica dell’anno è il nuovo ensemble che si prepara ad accompagnare i Philoshow del 2015: il gruppo musicale “Popsound” – composto da Ettore Basili (voce e chitarra acustica), Piero Cappella (chitarra), Rebecca Liberati (voce), Matteo Moretti (basso), Gianluca Pierini (tastiere) e Luca Orselli (batteria) – sarà protagonista delle nuove produzioni targate Popsophia reinterpretando i brani che hanno segnato la storia della canzone italiana e internazionale.

“La produzione dei Philoshow è l’ultima sfida culturale di Popsophia – ha dichiarato la direttrice artistica Lucrezia Ercoli – e apre le porte a una nuova forma d’arte contemporanea. Il Philoshow è un mash-up che unisce dialogo filosofico, televisione, cinema, fiction e tormentoni musicali. Questo spettacolo filosofico, come un coro greco proiettato nel futuro, traghetta la voce più autentica della filosofia contemporanea. Il Philoshow è la vita segreta della cultura pop”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>