Il Carnevale di Fano ha i numeri: 135 mila visitatori, più di 800 tesserati

di 

25 febbraio 2015

FANO – Sono numeri ricchi quelli raggiunti dai 24 giorni di festa dell’edizione 2015 del Carnevale di Fano che è riuscita a coinvolgere la città del Carnevale e i suoi operatori commerciali. Oltre 30 gli eventi collaterali alle 3 sfilate dei carri allegorici dell’1, 8 e 15 febbraio.

Cecchini, Seri e Marchegiani

Cecchini, Seri e Marchegiani

“Siamo soddisfatti sotto ogni punto di vista – ha detto Luciano Cecchini, presidente dell’Ente Carnevalesca – sia per la partecipazione registrata nelle domeniche di sfilata, sia per il coinvolgimento delle associazioni, dei volontari e, per la prima volta in un modo così diretto, delle scuole. Siamo soprattutto felici di aver potuto regalare dei momenti di allegria e spensieratezza in un periodo come quello che stiamo attraversando facendo leva sui punti di forza e sulle tradizioni che rendono unica la nostra città”.

“Il nostro è un bilancio complessivo – ha detto il sindaco di Fano Massimo Seri – che va al di là di ogni aspettativa. I numeri parlano di un’altissima visibilità riservataci dai media nazionali e di affetto e partecipazione unici testimoniati dai visitatori arrivati a Fano. E’ stato un Carnevale dai grandi numeri, che ha riempito le strutture ricettive e alberghiere, regalando una boccata d’ossigeno agli operatori economici. Di tutto questo dobbiamo ringraziare i maestri carristi, i volontari della Carnevalesca e delle associazioni del territorio comprese la Croce Rossa, la Protezione civile e le forze dell’ordine. Un grande risultato lo ha poi segnato l’uso del prendigetto che ha dato un colpo d’occhio a viale Gramsci mai visto sino ad ora”.

“C’è tanto da ricordare di questa edizione – ha sottolineato il vice sindaco e assessore al Turismo, Eventi e Manifestazioni Stefano Marchegiani – come il rapporto che si è venuto a creare tra Amministrazione ed Ente Carnevalesca. Forti di questa sinergia lavoreremo per cercare di dare un tocco di internazionalizzazione all’evento, come faremo con la presentazione di un bando europeo entro settembre, e per creare un vero centro di documentazione e museo del Carnevale”.

VISITATORI: Le tre domeniche di sfilata dei carri allegorici dell’1, 8 e 15 febbraio sono state prese d’assalto da oltre 135mila i visitatori. Fanesi e turisti hanno affollato viale Gramsci e le sue tribune riempendole di colori e sorrisi in un crescendo costante. Dopo la prima domenica, in cui in qualche spalto a causa del maltempo si sono registrate alcune defezioni, le tribune sono tornate a riempirsi con mascherate degne di sfilare all’interno del percorso. Tra i visitatori del Carnevale anche quelli dei 300 camper che, solo nella giornata del 15 febbraio, hanno posteggiato negli spazi cittadini e i 200 arrivati con il suggestivo treno a vapore. Da non dimenticare le visite guidate che nelle tre settimane della manifestazione hanno toccato quota 2.000 visitatori (soprattutto provenienti della Puglia, Lombardia e Campania).

CARRI E MASCHERATE: 4 i carri di prima categoria “Halloween Circus Party”, “…Nel Paese delle Meraviglie”, “Le battaglie del Metauro”, “La forza delle Maschere”; 1 quello “storico” della Musica Arabita che per la prima volta ha partecipato al “getto”; 2 quelli di seconda categoria: Te da gel brudett” e “Allegria” a cui vanno aggiunti il carro dei “Pinocchietti” e di “Costa Parchi” ad anticipare l’omonima mascherata; 1 il Pupo 2015 “El bugiardon”; 2 le mascherate che hanno presenziato a tutte le 3 domeniche di sfilate “I MiniOn” e “Costa Parchi” i 40 figuranti che hanno sfilato in apertura a “Le battaglie del Metauro” a cui si aggiungono anche “Caccia Grossa” di Acqualagna, “Le Bici” di Montegranaro, quella dell’Olympia Ginnastica Cuccurano, del Carnevale di Mezza Quaresima di Lucrezia e Cartoceto e il corpo di musicanti e majorettes della banda Pianello di Vallesina. Successo per lo speakeraggio previsto al Pincio, all’ex caserma Paolini e davanti alla Corridoni: i 3 punti nei quali gli speaker hanno raccontato ai presenti la bellezza dei carri e delle mascherate per la prima volta presenti in viale Gramsci sin dalle 14.30 per accogliere, con la loro grandiosità, i visitatori della manifestazione 2015.

GETTO E PRENDIGETTO: A ruba il prendigetto. La cornucopia in cartone ideata dall’artista fanese da Paolo del Signore, è diventata ormai un oggetto da collezione tanto che nel corso del periodo di Carnevale associazioni e Carnevalesca ne hanno distribuiti circa 8.500 anche grazie all’ordinanza emessa dal sindaco che vietava l’uso degli ombrelli per la raccolta dei 200 quintali di dolciumi e caramelle firmate Perugina piovute dai carri allegorici.

TESSERAMENTO: I fanesi e turisti che hanno deciso di far parte dell’Ente Carnevalesca, sono stati, ad oggi, più di 800, 200 in più rispetto al 2014. Ma c’è ancora tempo per tesserarsi versando la quota di 10€: i consiglieri saranno infatti presenti in corso Matteotti tutti i sabati fino al 30 marzo così come saranno aperte, fino a quella data, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19, le porte dell’Ente in piazza Andrea Costa.

VOLONTARI E LOTTERIA: Hanno messo in campo tutto l’amore, il tempo e le professionalità i “600” del Carnevale di Fano. Un numero che comprende i maestri carristi, i trattoristi, elettricisti, falegnami eccetera ma anche pensionati, studenti e amanti della manifestazione. La gran parte di loro è scesa in campo dal 1° giorno, coordinati dalle 20 associazioni coinvolte nell’iniziativa, per distribuire i biglietti della Lotteria del Carnevale 2015 che ha siglato la cifra record dei 15.800 tagliandi venduti.

SCUOLE E NONNI: Tripudio di colori e presenze anche per il Carnevale dei Bambini, nato 4 anni fa, da un’intuizione della Carnevalesca che decise di dedicare uno “spazio e tempo su misura” agli studenti della città. Nelle due sfilate mattutine del Carnevale dell’8 e 15 febbraio, sono quindi scesi in viale Gramsci oltre 500 piccoli in maschera. A sfilare il comitato Unicef provinciale con la mascherata “Piccoli arabiti… crescono” per ricordare il diritto “di ogni bambino ad avere un’identità”; quella della Luigi Rossi, con “Fin che la… scuola va” con decine di piccole barche e marinai; quella della scuola primaria Corridoni con i “Doni carichi di valori colorano il Carnevale”; della scuola dell’infanzia San Sebastiano di Bellocchi con la “Colazione sull’erba”; delle due sezioni dell’asilo di Marotta delle Maestre Pie Venerini e i folletti di un’ “Emozione”; e de “I Cesarini”, il gruppo di genitori e figli della scuola Montesi di S. Orso. In corteo anche “L’Allegra e colorata peperonata” di Casa Penelope, la “Dama Nera in Maschera”, il gruppo danza “Happy Days. Positiva anche la partecipazione.
Per la prima volta, a essere in prima linea anche gli studenti delle scuole superiori. Circa 100 ragazzi degli istituti Battisti, Olivetti, Volta e del liceo Apolloni hanno ballato sulle coreografie studiate dal maestro di danza Mattia Diamantini della New Latin Academy. Decine anche i giovani degli istituti tecnici Archimede e Seneca che, tramite uno stage, hanno partecipato alla realizzazione dei carri e allo sviluppo dell’immagine degli stessi
Positiva anche la partecipazione al Carnevale dei Nonni andato in scena nella mattina dell’1 febbraio, con le centinaia di “over” dei circoli anziani della città di Sassonia, Bellocchi; degli ospiti di Familia Nova e quelli dell’associazione “Genitori Oggi” di Montegranaro.

CARNEVALE ANIMAL FRIENDLY: Decine gli amici a quattrozampe che hanno partecipato, insieme ai loro padroni, alla prima edizione del “Carnevale Animal Friendly” che ha previsto il raduno di circa 30 ospiti del canile comunale gestito dall’associazione Melampo e degli amanti degli animali intorno al Pincio. Oltre alla capofila Melampo che gestisce il Canile comunale presenti anche altre associazioni fanesi come Ara Micis, Osiride, K9, Mici&Amici.

GIUNTA DEL CARNEVALE: Per la prima volta il Sindaco della Città del Carnevale, investito della carica dal presidente del Consiglio comunale come previsto da Statuto comunale il giovedì grasso ha nominato la sua Giunta del Carnevale, composta da 7 divertentissimi assessori.

SPETTACOLO, ARTE E CULTURA: Dieci gli appuntamenti legati all’arte e allo spettacolo promossi durante i 24 giorni di festa anche grazie alla stretta collaborazione tra l’evento e la Fondazione Teatro della Fortuna. Proprio l’ente ha contribuito alla kermesse mettendo in scena i 3 spettacoli: “Non aprite quella sporta” con i comici del San Costanzo Show (che ha devoluto 1000 euro al Fondo Peppe Nigra); il concerto-spettacolo “Mascherata di Villanelle”; l’apprezzato convegno-show “Una risata vi libererà. Ultimo giorno utile per imparare a ridere”. 4 le mostre promosse nell’ambito del Carnevale: “Carneval è arte: luci, allegorie e finzioni”, mostra pittorica collettiva: “Carnevale in Rosa” di Samantha Bartolucci; “Omaggio alla Musica Arabita” nella chiesa di San Michele; “HYPERLINK “http://www.lafanodioggi.it/2015/01/30/manifesti-storici-del-carnevale-di-fano-mostra-al-teatro-della-fortuna/”I manifesti storici del Carnevale di Fano” esposta al Teatro della Fortuna.

SPORT: Poco meno di 1000 gli sportivi che hanno dato la loro adesione agli eventi sportivi collegati al Carnevale di Fano: appassionati di roller; vela, rugby, basket, ciclismo e moto arrivati da ogni regione d’Italia.

La febbre del Carnevale 
ha contagiato i media nazionali

L’evento è stato raccontato dalle più importanti testate giornalistiche nazionali e locali che hanno raccontato la città di Fano e la sua tradizione carnascialesca

Dirette, servizi, approfondimenti e curiosità. La stampa nazionale, dalle trasmissioni delle reti Rai a quelle Mediaset, dai programmi radiofonici più seguiti passando per i quotidiani più letti e i siti più “navigati”, ha riservato un’attenzione unica al Carnevale di Fano 2015 che ha chiuso i suoi eventi con il martedì grasso del 17 febbraio scorso.

E’ così che le tradizioni dei maestri della cartapesta, la storia della Musica Arabita, la novità del Carnevale Animal Friendly e i simboli della città del Carnevale sono stati raccontati dai media dell’intero Stivale. Come successo per la puntata de “La Vita in Diretta” di Rai1 andata in onda, da piazza XX Settembre durante il giovedì grasso 12 febbraio. Il conduttore Paolo Notari per oltre 8 minuti ha intrattenuto con entusiasmo la folla che si era riunita per assistere all’evento mediatico che ha registrato uno share di circa il 20% con oltre 3milioni di spettatori. Stessa accoglienza per Furio Busignani e il suo collegamento in diretta per “A conti fatti” nella mattinata dell’11 febbraio che ha spiegato al pubblico di Rai1 i prezzi e i prodotti tipici, tra cui le castagnole del Carnevale, ricordando le date dell’evento, tra le bancarelle del mercato ortofrutticolo di piazza Andrea Costa.

Tra le televisioni nazionali che hanno seguito il Carnevale di Fano 2015 anche il Tg2 Costume & Società che ha regalato un servizio all’evento e L’Arca di Noè a cura della giornalista Maria Luisa Cocozza che ha approfondito la novità della manifestazione 2015: il Carnevale Animal Friendly a cui è stato riservato un approfondimento nella puntata del 15 febbraio.

Neanche le radio hanno voluto sfigurare nel parlare della kermesse. A partire dall’intervista che il noto dj Linus ha fatto al presidente dell’Ente Carnevalesca Luciano Cecchini per Radio Deejay passando per i servizi di Rai Radio2 e della sua seguitissima trasmissione Decanter con Fede e Tinto per finire poi con Gulliver di IsoRadio, Radio Classica e Rtl 102.5.

A raccontare del Carnevale di Fano anche gli articoli e i servizi di, tra gli altri, La Repubblica, Corriere della Sera, Il Giorno, Qn, La Stampa, Il Messaggero e Il Giornale e quelli dei periodici tra i più letti d’Italia come Famiglia Cristiana, Caravan & Camper, Camper Life e A Tavola. Pioggia di notizie “virtuali” sul Carnevale “bello da vedere e dolce da gustare”: tra i siti che hanno parlato dell’evento anche quelli del TgCom, RaiNews, LaStampa e Repubblica.

A dare il contributo alla bellezza e al lavoro che sta dietro la macchina operativa della manifestazione sono stati, come sempre, le testate giornalistiche locali (quotidiani, radio, siti e tv) che hanno scandagliato con articoli su articoli, video su video, interviste su interviste, ogni appuntamento e situazione del Carnevale come, fra gli altri, ha fatto il TgR Marche che ha dedicato 10 servizi all’evento tra cui le dirette della rubrica “Il Settimanale” e “Tg Itinerante” del 7 febbraio.

Info: www.carnevaledifano.eu

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>