Ospedale unico, Ceriscioli è conciliante: “La collocazione si deciderà assieme a Seri e Ricci”. E poi dà i numeri della campagna per le Primarie

di 

27 febbraio 2015

Ceriscioli saluta Seri

Ceriscioli saluta Seri

PESARO – ‘Ho preso un impegno con il sindaco Seri durante la mia ultima iniziativa a Fano. Resto fermo sull’idea che il nuovo ospedale si farà in accordo tra le due città e con i sindaci del territorio provinciale di area vasta. Non ci saranno fughe di avanti da parte di nessuno. La collocazione adeguata si deciderà insieme, in base alle istanze dei territori e delle comunità”. Così Luca Ceriscioli, candidato alle Primarie del Pd per la scelta del candidato presidente della Regione Marche.

“Ho sempre mantenuto un atteggiamento di forte equilibro nell’affrontare le questioni – continua l’ex sindaco di Pesaro – in particolare quella della sanità, e continuerò a farlo da Governatore delle Marche. Partecipazione alle scelte e coinvolgimento degli amministratori saranno la mia strada per cambiare il modo di governare questa regione”.

I NUMERI DELLA CAMPAGNA PER LE PRIMARIE

“È il momento di aprire una fase nuova, più vicina ai cittadini e alle esigenze dei territori, capace di intercettare la voglia di cambiamento che chiedono le comunità. Serve concretezza, trasparenza e partecipazione alle scelte. Una rivoluzione copernicana nel modo di governare la Regione, mettendo al centro delle decisioni i bisogni dei cittadini. Meno burocrazia, una svolta nel sistema sanitario regionale per l’abbattimento delle liste di attesa e piu qualità nei servizi del territorio e negli ospedali; nuove opportunità di sviluppo e occupazione utilizzando in maniera strategica i mille e duecento milioni di fondi europei, rilancio delle aree interne e difesa del suolo e del territorio; turismo, cultura e agricoltura alleati per crescita economica della regione; attenzione all’università, alta formazione, diritto allo studio come investimento sul futuro”.

“Una campagna per le primarie entusiasmante – conclude – a contatto con i cittadini e le associazioni. Tanta la voglia di partecipare, di essere ascoltati e di conoscere le proposte e le idee per cambiare verso alla Regione”.

Ecco i numeri della campagna per le primarie:
20 giorni di campagna elettorale
70 iniziative
48 Comuni toccati
80 ore di insegnamento all’Itis (il candidato ha continuato a lavorare durante la campagna)
225 ore dedicate agli incontri
600 volontari impegnati nell’organizzazione
4 kg persi per il candidato

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>