Matelica – Vis 0-0, pareggio stretto per i pesaresi

di 

28 febbraio 2015

MATELICA  – VIS PESARO 0-0

MATELICA (4-2-3-1): Spitoni; Ranucci, Ercoli (1′ st Gilardi), D’Addazio, Benedetti; Borgese, Scotini; Iotti, Mandorino (32′ st Jachetta), Moretti; Ambrosini (18′ st Api). A disp.: Passeri, Cesselon, Lazzoni, Lanzi, Mangiola, Ferretti. All. Bartoccetti

VIS PESARO (4-3-3): Teodorani; Fabbri, Labriola, Brighi, Dominici; Rossoni, Ruffini, Granaiola; Bartolucci (41′ st Evacuo), De Iulis (24′ st Zanigni), Bugaro. A disp.: Osso, Pangrazi, Vagnini, Rosati, Filippucci, Torelli, Rossi. All. Ceccarini

ARBITRO: Campagnolo di Bassano

MARCATORI:

NOTE: Spettatori 700 circa. In tribuna l’ex Cacciatore. Espulso 42′ st Scotini (M) per doppia ammonizione. Ammoniti: Bugaro (V), Granaiola (V), Ercoli (M), Scotini (M), Benedetti (M). Angoli: 2-3. Recuperi: pt 1′, st 4′

De Iulis, centravanti della Vis Pesaro

De Iulis, centravanti della Vis Pesaro

MATELICA – Seconda trasferta consecutiva per la Vis Pesaro: dopo l’1-1 di Teramo, contro il San Nicolò, con il ritorno al gol di Bugaro, l’obiettivo vissino è quello di proseguire sulla strada della continuità, dell’ordine tattico, dell’11 il più possibile simile (se non uguale) a quello di 7 giorni fa. Le prove di laboratorio sono finite: si cerca la concretezza. Con una parola d’ordine: andare a punti.

MATELICA – VIS PESARO, CALCIO D’INIZIO ORE 14.30

Non sarà semplice, perché come spesso accaduto in questo campionato la Vis si troverà nel posto sbagliato al momento sbagliato: il Matelica, infatti, in settimana ha esonerato mister Gianangeli mettendo al suo posto il tecnico degli Esordienti Bartoccetti. E’ chiaro che dopo tre partite senza vittorie, con una zona playoff momentaneamente sfilata di mano, i matelicesi punteranno al riscatto pieno ma la Vis, questa Vis, ha dimostrato contro Campobasso e San Nicolò di potersela giocare senza mai rinunciare ad attaccare.

Sesta sfida della storia tra Matelica e Vis che, nei 5 precedenti ha visto due pareggi per 0-0 a Matelica, due vittorie in casa per la Vis e una rocambolesca vittoria al Benelli per il Matelica, all’andata, per 2-1 con le reti in zona Cesarini di Cacciatore e Jachetta a ribaltare in pochi minuti il gol del momentaneo vantaggio pesarese firmato De Iulis.

Nella Vis Pesaro, con il ritorno di Osso dopo l’influenza della passata settimana, l’unico assente dovrebbe essere Marco Martini (per l’attaccante di Gradara, ai box da dicembre per uno strappo al retto femorale, siamo comunque ormai a un passo dal rientro). Ceccarini, però, appare intenzionato a riproporre in porta il più esperto Teodorani con il conseguente impiego di Bartolucci, come under, da esterno alto di destra. Per la prima volta in stagione, quindi, si va verso una Vis Pesaro uguale nel modulo e nei giocatori a quella vista 7 giorni prima: per infortuni, squalifiche e decisioni tecniche questo non era mai accaduto quest’anno.

Nel Matelica, con Bartoccetti all’esordio in panchina, il pesarese dell’Arzilla Ambrosini dovrebbe continuare a fungere da unica punta con Ferretti, Api e Jachetta inizialmente in panchina. A supporto dell’unica punta, non punta, Ambrosini dovrebbero agire Mandorino più gli under Iotti e Moras arrivata a dicembre insieme allo stesso Ferretti e Moretti.

Trasferta con prevendita nominativa obbligatoria per i tifosi pesaresi: una decisione che ha destato molte perplessità, quella decisa dall’Osservatorio su indicazione della Questura di Macerata, visto che tra Matelica e Vis, sia all’andata che al ritorno, non ci sono mai stati problemi di nessun genere.

Con Matelica – Vis Pesaro mancano 11 giornate alla fine del campionato: il derby sarà arbitrato da Francesca Campagnolo di Bassano del Grappa, al secondo anno di CanD, nessun precedente con Vis e con Matelica.

Il turno odierno: 

24^ giornata
Castelfidardo – Fermana
Chieti – Campobasso
Fano – Termoli
Giulianova – Amiternina
Maceratese – S. Nicolo’ 0-0 (giocata ieri con diretta RaiSport)
Matelica – Vis Pesaro
Olymp. Agnonese – Civitanovese
Recanatese – Celano
Sambenedettese – Jesina

Calcio d’inizio alle ore 14.30. Siamo in attesa delle formazioni ufficiali.

Ore 14.26: formazione confermata nella Vis Pesaro, nel Matelica fuori Cesselon e dentro il 97 Ranucci con Scotini a centrocampo e Ambrosini unica punta. Vento freddo sul Comunale di Matelica, tribuna centrale piena in ogni ordine di posto. Presenti una cinquantina di tifosi vissini con uno striscione eloquente: CreDiamoci.

Partiti. Pressing alto della Vis con Granaiola. Bugaro si accentra nel 4-3-3. Matelica in campo con il 4-2-3-1 con Moretti sul centro sinistra, in linea con Mandorino e Iotti alle spalle di Ambrosini. Mandorino a terra dopo un contrasto con Ruffini: gioco fermo.

Schema della Vis  su punizione dalla sinistra, Ruffini tocca per Bugaro che arriva in ritardo al limite: Bugaro allunga la gamba su Mandorino, fallo e ammonizione per il pesarese.

10′ nulla segnalare, fase di gioco convulse. Continuo batti e ribatti, con leggera prevalenza vissina, pericolosa con due piazzati tagliati in mezzo da Bugaro e un retropassaggio mal calibrato da Ercoli: Ruffini, prova la conclusione al volo da 40 metri ciccandola.

Bentornati Ale e Biru: E’ lo striscione dei tifosi vissini che oggi riabbracciano due compagni biancorossi.

17′ Ruffini in scivolata di fatto allunga il pallone per Ambrosini chiuso sull’esterno da Labriola. Chiude definitivamente Dominici su un mobilissimo Iotti.

19′ Buona Vis, buona intensità, buona quadratura: Brighi, dal limite, cerca di sorprendere Spitoni che para in due tempi ma senza particolare affanni.

22′ Fiammate di grande Vis: Dominici al volo dalla sinistra mette in mezzo di prima al volo, Rossoni di testa a centro area costringe Spitoni al colpo di reni che vola e devia con le unghie sul proprio palo destro esterno. Subito dopo è Bugaro a tagliare sempre dalla sinistra, dove agisce il ’97 Ranucci, l’area dove nessuno riesce ad intervenire. Ceccarini e D’Anzi, in panchina, saltano in piedi.

Il Matelica è tutto in un paio di conclusioni dalla distanza di Mandorino (la seconda su punizione strozzata dalla barriera). Tanta Vis nella prima mezz’ora. Bene Labriola dietro, bene Rossoni e Bartolucci a centrocampo in un 4-3-3 sempre più simile a un 4-1-4-1 con Granaiola che gioca 10 metri davanti a Ruffini, in posizione centrale.

Ammonito Granaiola per fallo su Scotini in pressing (31′).

34′ Campanile in area matelicese, Bartolucci la gira facendo impennare la palla ulteriormente, De Iulis di testa la tocca nello specchio ma Spitoni c’è.

Vis a tratti tambureggiante, specialmente sulla sinistra: al 39 cross di prima intenzione di Bugaro su assist di Granaiola, palla respinta a centro area, Ruffini al volo da 20 metri col destro spara alto. Stessa scena al 43′ Bugaro disegna un filtrante preciso per Dominici che taglia l’area ma né De Iulis né Bartolucci ci arrivano.

Il primo tempo finisce dopo un minuto di recupero, con un’occasione di Granaiola sulla sinistra: conclusione potente ma alta. Finisce 0-0 il primo tempo: ottima Vis, la migliore della gestione Ceccarini.

Secondo Tempo: Gilardi rileva l’acciaccato Ercoli.

Matelica che appare più attivo in avanti (conclusione di Mandorino al 4′, parata facile da Teodorani) ma la Vis, al 7′, non abbassa la testa: Bugaro fa un numero sulla sinistra ma poi calcia centrale. Partita viva: Moretti dal limite cerca angolo alla sinistra di Teodorani: parata del portiere vissino.

12′ Fa tutto Mandorino: prima costringe Fabbri all’ammonizione per un fallo appena fuori il vertice dell’area di rigore vissina, poi su punizione batte direttamente in porta ma Teodorani piazzato bene  blocca la sfera.

La Vis non abbassa la guardia e riparte, a ogni break, con Rossoni. In tribuna i tifosi del Matelica chiedono a gran voce l’inserimento di una punta al fianco di un impalpabile, fin qui, Ambrosini. “La palla scotta” dice sconsolato un tifoso di casa.

15′ Rigore richiesto dalla Vis per fallo di Gilardi su Dominici in area: Ceccarini a braccia aperte. Buona, buonissima Vis.

Supremazia vissina: grande prestazione biancorossa, l’unica pecca la lucidità negli ultimi metri. Per il possesso palla le conclusioni in porta da parte della Vis sono relativamente poche. Il Matelica, fin qui assente, corre ai ripari: fuori Ambrosini, completamente lasciato a sé stesso, dentro Api. Non cambia tanto.

23′ punizione di Bugaro, De  Iulis gira di testa, uscita non perfetta di Spitoni, la palla rimbalza su Bartolucci ma si perde in area e diventa preda di Spintoni.

24′ Zanigni per De Iulis: Ceccarini cerca la cattiveria sotto porta.

25′ Occasione Matelica su angolo: Api conclude all’interno dell’area, Labriola si oppone col corpo.

30′ Il Matelica si gioca la carta Jachetta, la Vis produce molto destra Bartolucci (cross al 30′, Zanigni anticipato da Spitoni).

Con Jachetta per Mandorino il Matelica aumenta il peso offensivo: sempre 4-2-3-1 con Jachetta sul centrodestra, Iotti centrale a ridosso di Api. Ammonito Benedetti per fallo su Bugaro: punizione dello stesso Bugaro dai 25 metri, palla testa ma centrale (35′).

Teodorani para la conclusione centrale di Iotti deviata (36′).

41′ Ceccarini non abbassa la testa: dentro Evacuo per un positivissimo ma stremato Bartolucci,

Matelica in 10: espulso per doppia ammonizione Scotini (secondo fallo su Granaiola). Credici Vis.

Quattro di recupero.

Finisce 0-0 a Matelica, ottima Vis: pareggio che sta stretto ai pesaresi per quanto visto in campo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>