Da 0-2 a 3-2, infinita Volley Pesaro: inferno-paradiso che vale 2 punti e +8 su Perugia

di 

1 marzo 2015

VOLLEY PESARO 3
ZAMBELLI ORVIETO 2

VOLLEY PESARO: Spadoni, Salvia 6, Zannini (L)Sestini 6, Concetti, Di Iulio 1, Battistelli, Bellucci 3, Battistoni. Bordignon 13, Mezzasoma 17, Babbi 11. All. Bertini ,Portavia

ZAMBELLI ORVIETO: Fastellini 11, Tiberi 7, Mazzini 3, Rossini18, Kotlar 15, Bigini, Andreani (L), Righi (L) , Volpi, Macari, Piastra, Biccheri 17, Ubertini, Rosso. All. Iannuzzi, Gobbini

PARZIALI: 8-25; 15-25; 25-10;25-16;15-7
ARBITRI: Tassini , Lorenzin
Partita incredibile al PalaBancaMarche tra Volley Pesaro e ZAMBELLI Orvieto. Le pesaresi conquistano una preziosa vittoria per 3-2, che vale doppio visto l’inaspettato svantaggio di 0-2. Due set da dimenticare, prima della grande rimonta. Bertini parte con Battistoni in regia – Di Iulio è in panchina, reduce da tre giorni di influenza – ma è tutta la squadra a non girare. Già dal primo set si capisce che non sarà la solita domenica per Volley Pesaro. Le pesaresi appaiono scariche e faticano sia a costruire che a difendere. Il parziale finisce con un incredibile 8-25 per le ospiti, brave soprattuto con Biccheri a mettere sotto pressione la ricezione pesarese. Nel secondo set ci si aspetta la reazione di Pesaro, che però non arriva. Al secondo time-out tecnico Orvieto conduce 6-16. Bertini prova a cambiare le carte in tavola, sostituendo una scarica Babbi con Bordignon e affidando la regia all’esperto Di Iulio. Ma la svolta da tutti attesa non arriva.

Bertini parla alla squadra

Bertini parla alla squadra

Sul 10-21 Bertini chiama il time-out discrezionale, per provare a rimettere ordine in campo. Ma i punti continuano ad arrivare più per errori degli avversari che per meriti di Pesaro. Nel terzo set Bertini parte con Di Iulio in regia e Bordignon al posto di Bellucci. Lo spirito e la grinta sembrano essere tornati quelli di sempre, e le padrone di casa girano al primo time-out tecnico avanti 8-3. I punti di vantaggio diventano addirittura 8 (12-4e 16-8), con Volley Pesaro padrona del campo che si aggiudica il set 25-10. A gara riaperta, il match diventa finalmente combattuto. Al primo time-out tecnico Volley Pesaro é avanti 8-6, ma Orvieto risponde colpo su colpo agli attacchi pesaresi. È una lotta tra centrali, con Orvieto che agguanta le pesaresi grazie ad un bel primo tempo di Fastelli, al quale risponde subito Sestini, in attacco prima e con un ace subito dopo. Sul 12-9 coach Iannuzzi ferma il gioco, ma al rientro in campo Babbi con uno splendido lungolinea porta la sua squadra a + 3. Sul 16-13 Battistelli, entrata al servizio al posto di Salvia, crea non pochi problemi alla ricezione di Orvieto, che fatica a ricostruire. Volley Pesaro ne approfitta e si porta sul 21-14. Tre errori in attacco e un muro consentono alle ospiti di riportarsi sotto, ma ci pensa Mezzasoma a riconquistare il servizio. Orvieto prova a recuperare, ma è Pesaro a conquistare il parziale. Avvio di quinto set da manuale per le ragazze di Bertini, che si portano avanti 4-0. Al cambio campo Salvia e compagne conducono 8-2.

La scaramanzia? Macché... Volley Pesaro festeggia. Foto tratta da instagram

La scaramanzia? Macché… Volley Pesaro festeggia. Foto tratta da instagram

In campo ormai c’è solo una squadra, e Volley Pesaro conquista la sua diciassettesima vittoria, dopo un avvio da incubo : “Due punti che sono oro – commenta Bertini – abbiamo sbagliato atteggiamento nei primi due set. Non è stato assolutamente un problema di palleggiatrice, ma di mentalità della squadra. Appena abbiamo ritrovato grinta e determinazione, siamo tornati a giocare la nostra pallavolo”. Con questa vittoria Volley Pesaro porta a 8 i punti di vantaggio su PERUGIA: “Nel corso della gara ho provato a fare dei cambi, e alla fine l’ingresso di Bordignon dal terzo set è stato positivo. È una vittoria meritata, e una gran bella giornata per noi”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>