La Vuelle si riscopre… Happy: battuta Brindisi in rimonta (80-75)

di 

12 novembre 2017

Vuelle-Germani 00008VICTORIA LIBERTAS PESARO – HAPPY CASA BRINDISI 80-75
VICTORIA LIBERTAS PESARO: Omogbo 11, Ceron 6, Crescenzi ne, Mika 21, Moore D. 23. Bocconcelli 0, Ancellotti 6, Bertone 10, Monaldi 3, Serpilli 0. All. Leka
HAPPY CASA BRINDISI: Suggs 17, Barber 2, Tepic 2, Oleka 2, Mesicek 7, Cardillo 4, Sirakov ne, Moore N. 8, Donzelli 8, Canavesi ne, Giuri 11, Lalanne 14. All. Dell’Agnello
ARBITRI: Lanzarini, Attard, Caiazza
PARZIALI: 17-25, 20-19, 25-18, 18-13
SPETTATORI: 3.805

PESARO – Importantissima vittoria della Vuelle, che in rimonta, supera Brindisi col punteggio finale di 80 a 75, trascinata da Dallas Moore (23 punti) ed Eric Mika (21). Dopo un primo tempo giocato sottotono, i ragazzi di coach Leka ritrovano la grinta nella ripresa, cambiando anche qualcosa dal punto di vista tattico, servendo maggiormente i suoi lunghi. Con questo successo, Pesaro lascia proprio Brindisi all’ultimo posto, ma è comunque lontana dall’aver risolto tutti i suoi numerosi problemi.

Pesaro è sempre senza Mario Little, mentre Brindisi deve rinunciare a Brian Randle, con Nic Moore al debutto e Anthony Barber reinserito nei dodici, lo starting five biancorosso è composto da Dallas Moore, Ceron, Bertone e la coppia di lunghi composta da Omogbo e Mika, sono di Bertone i primi tre punti del match, con una tripla dall’angolo, ma dopo quattro minuti, il tabellone indica il più otto per gli ospiti, con Nic Moore ad infilare solo soletto la tripla del 13 a 5, con la difesa biancorossa pericolosamente in difficoltà già sui primi passaggi, ci vuole la seconda tripla di Bertone, per riportare la Vuelle in linea di galleggiamento (14-18), anche se la Happy Casa sembra più in palla e più convinta e chiude meritamente in vantaggio il primo quarto, sul punteggio di 25 a 17.

Per la Happy Casa sono già andati a segno otto giocatori, contro i soli 4 per la Vuelle, sintomo della differenza esistente tra i due roster, in un secondo quarto inaugurato da una tripla di Ancellotti, l’unico che sembra avere la giusta tigna, in una VL sprofondata a meno dieci (22-32), che rimane in partita grazie ai rimbalzi offensivi di Omogbo e Ancellotti (6 punti), che consentono ai pesaresi di riportarsi a meno cinque (27-32 al 15’), anche se l’inerzia del match è sempre in mano alla Happy Casa, più presente in ogni parte del parquet, mentre l’attacco biancorosso soffre lo scarso apporto di Mika ed Omogbo, fermi a 4 punti segnati a testa, in un secondo quarto che Brinidisi chiude avanti per 44 a 37.

Le statistiche di metà partita evidenziano la solita scarsa mira dai 6.75 della Vuelle (4 su 13), imprecisa anche dalla lunetta (7 su 14), con l’Happy Casa superiore anche ai rimbalzi (22-20), dove spiccano i 10 catturati da Omogbo. Un dato significativo per far capire la qualità vista in questi primi venti minuti: le due squadre hanno distribuito complessivamente nove assist su un totale di trenta canestri segnati, non proprio il massimo dell’efficienza offensiva.

Per poter sperare di rientrare in partita, alla Vuelle servono essenzialmente due cose: una maggiore precisione dal perimetro e un maggior coinvolgimento di Mika nei giochi offensivi, Omogbo schiaccia il 43 a 49, per una VL che non riesce mai a rientrare definitivamente in partita, dopo quattro minuti Brindisi ha già esaurito il bonus del falli e il decimo punto di Mika riporta i biancorossi sul meno 2 (51-53), con la cattiva notizia del quarto fallo commesso da un positivo Bertone, coach Dell’Agnello schiera i suoi uomini a zona, con Monaldi che la buca e su due liberi di Moore, il punteggio torna in parità a quota 58, arriva anche il quarto fallo di Ceron ed è sempre Dallas Moore a segnare dalla lunetta il primo vantaggio casalingo, in un terzo quarto in cui Pesaro ha saputo reagire, chiudendolo in perfetta parità a quota 62.

Falli e precisione dalla lunetta, saranno determinanti per stabilire a chi andranno i due punti in palio, Omogbo e Moore portano i padroni di casa sul 66 a 62, con Mika che viene cercato giustamente con maggior insistenza, ma Brindisi non molla un centimetro, anche se al 35esimo ha esaurito il bonus dei falli, quando il tabellone indica ancora la parità a quota 69, si arriva così negli ultimi tre minuti del match, con la Vuelle avanti per 72 a 71 e come da tradizione, ecco la cronaca azione per azione: Suggs in contropiede segna il 73 a 72 ospite, con Bertone bravo a rispondere con un canestro in entrata, Mika cattura il rimbalzo offensivo del 76 a 73, con Suggs a rispondere dall’angolo (76-75), Ceron sbaglia la tripla, ma Tepic fallisce dai quattro metri e a 15 secondi dalla sirena, Dallas Moore si presenta in lunetta, segnando i liberi del 78 a 75, Dell’Agnello chiama timeout, con Suggs che fallisce la tripla e a 7 secondi dalla fine, è ancora il turno di Moore di presentarsi sulla linea della carità, con il play mancino che segna il suo 23esimo punto e sancisce la vittoria della Vuelle col punteggio finale di 80 a 75.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>