Gioco d’azzardo, come cambia la realtà italiana

di 

25 gennaio 2018

casino-holdemIl gioco d’azzardo piace agli italiani, a dispetto della crisi economica e delle problematiche riguardanti la disoccupazione. Anzi, proprio nelle Regioni in cui il tasso di occupati è in calo e la crisi economica ha colpito maggiormente, questo tipo di passatempo ha delle connotazioni particolari, con tantissimi soggetti che vi prendono parte e una spesa pro-capite che ha dell’incredibile. Le motivazioni di questo fenomeno sono varie e grazie a Casino2K si può riuscire a far luce su tutto ciò che riguarda la versione internet di questo tipo di “divertimento”.

I perché di un fenomeno
Alcune ricerche degli ultimi anni hanno dimostrato come il gioco d’azzardo sia nel nostro Paese una realtà dilagante, che coinvolge un numero sempre crescente di persone, alcune delle quali cadono nella dipendenza da questo tipo di attività. Le motivazioni sono varie, alcune hanno dei risvolti puramente sociologici e potremmo dire storici, correlati ai cambiamenti avvenuti a livello legislativo. Fino a qualche anno fa infatti il gioco d’azzardo autorizzato in Italia era quello delle classiche lotterie, come il Lotto, o quello che avveniva nelle sale da gioco presenti sul territorio, in numero esiguo. Questo non significa che si giocasse sono in questi luoghi, erano infatti numerose le case da gioco illegali, dove chiunque poteva scommettere qualche soldo sperando nella vittoria. Le nuove leggi riguardo al gioco d’azzardo hanno reso più ampie le possibilità degli appassionati, che oggi possono giocare alle slot machine da tabaccaio o al bar, oppure si divertono con le proposte presenti in rete. Quindi per certi versi il sommerso è oggi totalmente alla luce del sole, cosa che rende complesso capire se effettivamente l’aumento dei giocatori percepibile è del tutto reale. Oltre a questo anche l’ampia diffusione di internet, avvenuta soprattutto grazie agli smartphone di nuova generazione, ha ulteriormente ampliato le possibilità di chi ama giocare alla roulette o presentarsi al tavolo del black jack.

Le motivazioni socio economiche
Oltre a queste maggiori possibilità, che potremmo dire tecnico legali, ciò che porta un numero crescente di italiani a giocare d’azzardo è forse anche la situazione economica e politica del nostro Paese. Ci sono diverse Regioni infatti in cui le speranze per il futuro sono molto basse, soprattutto per i giovani e per coloro che hanno un’età compresa tra i 40 e i 55 anni. Proprio queste sono le fasce di età maggiormente coinvolte nel fenomeno della diffusione del gioco d’azzardo. Ma perché scommettono? Proprio perché non vedono un futuro certo, quindi chiedono alla fortuna, al fato, di prendersi cura delle loro speranze. Infatti il giocatore medio italiano ha circa 45 anni e vive in una Regione del sud. Stiamo quindi parlando di un soggetto che ha difficoltà a vedere per sé un futuro roseo e piacevole, con un numero di opportunità che realisticamente è ridotto se lo si confronta con quello di soggetti che vivono altrove.

I vantaggi del gioco online
A questa sempre maggiore diffusione del gioco d’azzardo ha sicuramente contribuito anche la diffusione di internet e dei casino online. Grazie a questi siti oggi si può puntare su un tavolo da gioco anche con cifre minime, anche con meno di 1 euro a giocata; inoltre molti siti sono attivi 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Non c’è bisogno di uscire di casa, di prepararsi un gruzzoletto in tasca e di vestirsi a festa; basta connettersi a internet, magari anche solo per qualche minuto, per scegliere la slot machine preferita o un tavolo che ci interessa e tentare la fortuna. Un fenomeno in costante aumento riguarda anche la diffusione della dipendenza da gioco d’azzardo, contro cui oggi è sempre più difficile combattere.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>