Venerdì a Gradara “Amori Maledetti, Maledetti Amori”, storie e racconti di donne della musica e di sogni infranti

di 

21 febbraio 2018

GRADARA – Amori maledetti, maledetti amori. È questo il titolo dello spettacolo in scena venerdì 23 febbraio al Teatro Comunale di Gradara nell’ambito della rassegna Teatri d’Autore organizzata da AMAT, con il sostegno della Regione Marche e dei Comuni della Rete.

Il progetto (concept e testi del giornalista, critico e autore Claudio Salvi), è un viaggio attraverso racconti immaginari di protagoniste della musica che hanno vissuto grandi amori ma che spesso dell’amore sono rimaste vittime; una storia di sogni spezzati, di passioni folli ma anche di lotte furibonde.

Amori maledetti, maledetti amori è il racconto di solitudini e fragilità attraverso un affascinante percorso musicale che vedrà sul palco l’autore dei testi, Claudio Salvi assieme alle voci recitanti delle attrici Giulia Bellucci e Jessica Tonelli.

Nella sperimentata formula teatro-canzone, il progetto vede con loro sul palco un quartetto di formidabili musicisti formato da: Sarah Jane Ghiotti (voce solista); Clarissa Vichi (voce solista); Carlo Simonari (tastiere, fisarmonica, bouzouki e voci) e Simone Nobili (chitarre acustiche ed elettriche).

Questo slideshow richiede JavaScript.

In mezzo a canzoni che hanno fatto la storia della musica, ri-arrangiate per l’occasione dagli stessi Carlo Simonari e Simone Nobili per l’interpretazione di Clarissa Vichi e Sarah Jane Ghiotti, le storie di otto indimenticabili interpreti: Dalida; Edith Piaf; Joan Baez; Mia Martini; Loredana Bertè; Giuni Russo; Tina Turner ed Amy Winehouse.

Si tratta di veri e propri ritratti personali cui l’autore si è ispirato sulla base delle loro storie artistiche e personali. Voci a loro modo straordinarie e particolari; voci di donne che hanno segnato la storia e che hanno lasciato tracce indelebili nella musica del Novecento, così come in quella contemporanea.

Voci di artiste di successo accompagnate però da storie di vita e amori difficili, travagliati, turbolenti con finali spesso tragici. In tanti casi si è trattato di storie fatte di solitudini, di sogni e progetti spezzati. Ma anche di vittorie e di repentine sconfitte. In qualche caso di violenza e soprusi ma anche di fieri riscatti.

 

Informazioni: Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino 0721 3592515, 366 6305500www.amatmarche.net, reteteatripu@amat.marche.it. Inizio spettacolo ore 21.15.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>