Sabato 21 aprile parte la doppia antologica dedicata a Giuliano Vangi. Lunedì chiude un tratto del Corso per l’allestimento

di 

13 aprile 2018

Maddalena Nuda (Foto Silvio Pennesi)

Maddalena Nuda (Foto Silvio Pennesi)

PESARO – E’ un progetto che celebra un rapporto consolidato e vivo: quello tra il ‘maestro della scultura’ nato a Barberino del Mugello e Pesaro, sua città d’adozione. Qui Giuliano Vangi è arrivato nel 1951 come giovanissimo insegnante dell’Istituto d’Arte Mengaroni e qui, dopo alcune esperienze per il mondo, ha deciso di tornare per viverci. Il progetto dedicato a Vangi si articola su più fronti e ‘segna’ diversi luoghi della cultura cittadina; è promosso dal Comune di Pesaro e realizzato per volontà di Giancarlo Selci, fondatore di Biesse Group, in memoria di Anna Gasparucci Selci, una donna forte, visionaria e carismatica, imprenditrice sensibile e coraggiosa, appassionata di arte. Realtà industriale d’eccellenza, Biesse Group condivide con l’Amministrazione l’obiettivo di promuovere patrimonio artistico e bellezza per la comunità, favorendo così l’incontro tra arte e cultura d’impresa.

Sabato 21 aprile sarà la giornata clou. In quella data prenderà il via l’Antologica di opere, sculture e disegni: un ‘grande’ evento che racconta al mondo un protagonista internazionale della scultura. Doppia la sede: il Centro Arti Visive Pescheria e la Galleria Ca’ Pesaro 2.0. Unico il tema: l’uomo e la sua esistenza in un presente complesso dove convivono violenza e armonia. La Pescheria – il polo più importante dell’Adriatico per l’arte contemporanea – accoglierà le opere più imponenti che ben si adattano al magnifico loggiato e alla chiesa del Suffragio.

Presenza fondamentale del ‘percorso’ dedicato a Vangi è la ‘Scultura della Memoria’ in piazza Mosca, un’opera monumentale e suggestiva in cui trovano forma l’arte, la musica, il teatro e la poesia, simboli culturali di Pesaro – tra i soggetti emerge non a caso Rossini – e delle Marche tutte, ma anche valori essenziali per l’artista; verrà inaugurata ufficialmente sabato 21 aprile alla presenza di Mario Botta, architetto svizzero di fama internazionale con cui Vangi collabora da anni. Strettamente collegata alla scultura di piazza Mosca, è la mostra a Palazzo Mosca che documenta (fino al 6 maggio) il suo processo creativo con disegni e bozzetti in terracotta.

A concludere il pomeriggio di sabato 21 aprile, il concerto ‘Omaggio a Rossini’ curato dall’associazione culturale Ars Musica: alle 19.15 nella chiesa di Sant’Agostino.

CHE COSA ACCADE SABATO 21 APRILE

Persona (Foto Giovanni Ricci Novara)

Persona (Foto Giovanni Ricci Novara)

VANGI PER PESARO
< La scultura della memoria, piazza Mosca inaugurazione ore 16

< Antologica di opere, sculture e disegni

21 aprile-10 giugno

inaugurazione ore 17.15 Galleria Ca’ Pesaro 2.0 

inaugurazione ore 18 Centro Arti Visive Pescheria

< ore 19.15 chiesa di Sant’Agostino Concerto per organo ‘Omaggio a Rossini’

 

 

 

Allestimento mostra Vangi, chiude un tratto del Corso lunedì 16 aprile

Divieto di transito in Corso XI Settembre nel tratto compreso tra via Mazzini e via Mastrogiorgio. Il provvedimento di modifica della viabilità verrà attuato lunedì 16 aprile, durante le operazioni di scarico delle opere di Giuliano Vangi che serviranno per allestire la mostra dell’artista al Centro Arti Visive Pescheria. Sempre lunedì, nell’occasione, non sarà consentita la sosta di veicoli in via Mazzini in alcuni stalli prima dell’intersezione con Corso XI Settembre.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>