Paspa Pesaro Rugby, altri 17 punti per sentirsi in Serie A

di 

17 aprile 2018

La Paspa Pesaro Rugby (Foto Filippo Baioni)

La Paspa Pesaro Rugby (Foto Filippo Baioni)

PESARO – Perdere una partita dopo sette mesi di sole vittorie accorcia i distacchi, ma non cambia le gerarchie: è sempre la Paspa Pesaro Rugby ad avere il coltello dalla parte del manico. 17 sono le gratificanti vittorie consecutive che vanno in archivio, 17 sono i punti che mancano per sentirsi aritmeticamente in serie A il prossimo 13 maggio. “Abbiamo quattro partite, puntiamo dritto a quattro vittorie, almeno una delle quali con il punto di bonus” i conti del capitano dei pesaresi Carlo Villarosa che indica la strada per vincere il campionato e approdare in serie A senza passare per l’appendice dei playoff. Questo il “piano di viaggio” suggerito dall’attuale situazione di classifica con i 74 punti della Pesaro capoclassifica e i 70 dei fiorentini I Medicei. Il tutto con quattro partite ancora da giocare.

Insomma, la Pesaro Rugby si era costruito un vantaggio che la metteva al riparo di un passo falso che sicuramente si sperava di evitare, ma che si sta già metabolizzando: “Dispiace aver perso a Firenze – analizza Villarosa – perché al di là degli indubbi meriti dei Medicei, la sensazione è che non abbiamo espresso al meglio tutto il nostro potenziale. Abbiamo subito la loro pressione quando eravamo noi a doverla mettere a loro e questo ci ha portato a commettere una quantità di errori esagerata rispetto alle nostre ultime domeniche. La squadra è stata però brava a reagire e a rimediare almeno un punto per la classifica”. Incassato il colpo, si riparte imparando da quegli stessi errori: “Rimuginare non serve a nulla, voltiamo pagina e guardiamo avanti. Siamo in testa, abbiamo quattro partite da vincere e da affrontare con la massima concentrazione. Senza distrarci da un calendario che ci metterà di fronte a avversari che hanno già raggiunto l’obiettivo salvezza. Perché non ci regalerà niente nessuno”.

Il rush finale racconta di 320 minuti che cominceranno domenica al Toti Patrignani (ore 15.30) col Rugby Parma 1931, poi due trasferte consecutive (Civitavecchia e Florentia) e epilogo in casa con Modena. Viceversa I Medicei saranno domenica a Rieti, poi avranno il derby interno con Florentia, faranno tappa a Bologna e concluderanno in casa con l’Amatori Parma.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>