Lavoro nero: laboratorio tessile di Cagli pizzicato con sei lavoratori irregolari su sei

di 

27 aprile 2018

ispettore del lavoroCAGLI  -Un’importante operazione di vigilanza a contrasto del lavoro sommerso si è svolta nella giornata di ieri ai danni di un laboratorio tessile di Cagli. A seguito di una preliminare attenta attività d’indagine, realizzata nei giorni precedenti, si è infatti eseguito apposito accesso ispettivo all’interno di laboratorio tessile, dove sono stati riscontrati ben sei lavoratori in nero su sei. Essendo del 100% la misura della manodopera irregolarmente occupata al momento del controllo, l’azienda ispezionata è stata destinataria del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. Il titolare dell’azienda si è reso peraltro responsabile di gravi violazioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, e nello specifico per non aver rispettato nessuna delle norme obbligatorie e previste dalla normativa vigente, con riferimento a quanto stabilito dal Testo Unico di cui al D.Lgs. n. 81/2008. Il laboratorio tessile è stato posto sotto sequestro ai sensi dell’art. 321 c.p.p.. Nel corso del servizio rilevate sanzioni amministrative per un totale di 12mila euro connesse con l’impiego dei lavoratori “in nero” , e carenze igienico sanitarie ed ammende per un totale di 9.5000 euro. L’accertamento degli illeciti è stato possibile grazie all’attenta attività di indagine preventiva ed azione di cooperazione dal comparto di specialità del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Pesaro/Urbino che ha agito assieme ai Carabinieri di Cagli, all’Asur di Urbino ed all’Inail di Pesaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>