Usa la coinquilina come un bancomat. A Urbino una studentessa ventenne aveva trafugato i codici di carta di credito della coabitante per ‘scroccare’ acquisti online

URBINO – La Polizia di Urbino ha deferito una studentessa universitaria di vent’anni alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Urbino per indebito utilizzo della carta di credito della propria coinquilina. Quest’ultima, anch’essa studentessa, aveva denunciato alla Polizia un indebito uso della sua carta prepagata per acquisti di merce online.

La Polizia ha deciso di perquisire l’appartamento della ragazza e qui sono stati trovati alcuni capi d’abbigliamento corrispondenti agli acquisti effettuati via internet per il valore di circa 200 euro. La responsabile, dopo aver carpito il numero di carta di credito della coabitante, aveva iniziato a fare acquisti online e a farsi recapitare la merce con un nome di destinatario inventato al corretto indirizzo al fine di far tornare indietro il pacco all’ufficio postale per poi recarsi successivamente di persona a reclamarne la proprietà.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>