Vis Pesaro, prima batti il Campobasso e poi sogna. I tremila del Benelli vogliono regalarsi una giornata storica

di 

28 aprile 2018

Vis CaricaPESARO – Un solo obiettivo: battere il Campobasso. Se poi questo significherà mantenimento del primo posto o vittoria del campionato, non dipenderà solo dalla Vis Pesaro. Che in questa domenica 29 aprile (fischio d’inizio alle 15) apparecchia il Benelli ad una giornata storica. Alla prima gara da prima in classifica, dopo 24 partite all’inseguimento del Matelica, la prima settimana in testa potrebbe già essere quella decisiva. I conti sono presto fatti: se la Vis batte il Campobasso e il Matelica non fa altrettanto col San Marino, Pesaro torna in serie C a 13 anni dall’ultima volta. E lo farebbe in casa con un clamoroso turno d’anticipo. Se la Vis non vince, o vincono entrambe le duellanti al vertice, tutto rimandato all’ultima giornata. Quando, domenica 6 maggio, la Vis sarà a Castelfidardo e il Matelica ad Avezzano.

Difficile, certo, ma intanto il fatto che esista la possibilità aritmetica di guadagnarsi la serie C già domani, e in casa propria, ha apparecchiato una settimana di trepidante attesa emblematicamente misurata dalla prevendita. Polverizzati i biglietti del settore Prato, con la Tribuna pronta ad adeguarsi al tutto esaurito (tremila spettatori circa) in una giornata in cui sarà comunque valido l’abbonamento.

C’è però l’invitato guastafeste. Ovvero quel Campobasso che ha bisogno vitale di fare punti a Pesaro. Perché a quota 39 punti ha due sole lunghezze di margine dai playout e ha due avversari alle spalle (San Nicolò e Agnonese) che annusano il sorpasso giovandosi di due match con le due retrocesse anticipate. Il Campobasso ha bisogno di un risultato utile a Pesaro per poi giocarsi tutto nell’epilogo interno con la Jesina. La Vis sa che se non vince rimette tutto tremendamente in discussione. A cominciare dal primo posto che sfumerebbe in caso di vittoria del Matelica. Che se la vedrà con un San Marino che tenta l’ultimo scatto per provare a raggiungere quei playoff distanti tre punti.

Nella Vis Pesaro, per la prima volta in stagione mancherà Ivan Buonocunto. D’Amore sembra intenzionato a lanciare Alessandro Rossi dal 1’ minuto (mai successo in stagione) in una probabile staffetta con Ridolfi. Rossoni dovrebbe essere confermato titolare nel ballottaggio con Ficola. Per il resto, si va avanti col 4-3-1-2 dei titolarissimi.

Nel Campobasso rianimato dalla vittoria sulla Vastese dopo sei sconfitte consecutive, il 4-4-2 di Minadeo (quarto cambio tecnico della travagliata stagione molisana) recupererà Kargbo in attacco e Del Duca in difesa, ma dovrà rinunciare a Danucci e Capozzi (secondo turno di squalifica) e alla corsa in fascia di Ribeiro (distorsione).

Il match potrà essere seguito su www.pu24.it che, a partire dalle 15, fornirà gli aggiornamenti minuto per minuto con la consueta webcronaca in diretta testuale

Le probabili formazioni:

VIS PESARO (4-3-1-2): Marfella; Rossoni, Cacioli, Radi, Boccioletti; Bellini, Paoli, Carta; Rossi; Baldazzi, Olcese. All. D’Amore

CAMPOBASSO (4-4-2): Landi; Strianese, Gomes, Del Duca, Bolzan; Esposito Lauri, Amabile, Marzano, Varsi; Balistreri, Kargbo. All. Minadeo

Arbitro: Collu di Cagliari

Il programma (ore 15):

Vis Pesaro – Campobasso

Matelica – San Marino

Pineto – Avezzano

Monticelli – Castelfidardo (si gioca ad Ascoli Piceno)

San Nicolò – Fabriano Cerreto (si gioca a Sant’Egidio alla Vibrata)

Sangiustese – Francavilla

Jesina – L’Aquila

Nerostellati – Agnonese

Vastese – Recanatese

CLASSIFICA:

Vis Pesaro 70; Matelica 68; Avezzano 58; Pineto 53; L’Aquila 51; Vastese 50; San Marino e Sangiustese 48; Francavilla 47; Castelfidardo 44; Recanatese 40; Campobasso 39; Agnonese e San Nicolò 37; Jesina 34; Monticelli 27; Fabriano Cerreto 19; Nerostellati 16.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>