C’è una Yamaha in pole a Le Mans. E’ quella giusta.

di 

19 maggio 2018

ZarcoLE MANS (Francia) – Zarco, su Yamaha, in pole a Le Mans. Il francesino, cacciato dalla Yamaha perché l’ex re della MotoGp non lo voleva ( fonte Fellon, manager del pilota transalpino), ha fatto un giro a vita persa e si è preso la soddisfazione di qualificarsi primo nel Gp di casa. Davanti al suo pubblico. Una soddisfazione non da poco e, comunque vada la gara di domani, ha dato una lezione a chi gli aveva dato dell’incapace.

Sul tracciato francese si sta consumando un dramma ed è il dramma di chi (forse) ha “inquinato l’acqua del pozzo” della Moto Gp per anni. Ha stroncato carriere, non solo di piloti. Ha cacciato tecnici, ex amici, ha imposto la “sue” condizioni sopra tutto e tutti. Ha dettato legge per anni spalleggiato da “certa “ stampa e da tanti altri “che contano”. Ma ora gli “amici” stanno finendo.

Quella di domani, che vedrà scattare Petrucci in sella alla Ducati Pramac dalla terza piazza, sarà una grande gara. I migliori sono lì davanti a giocarsi la vittoria. Per fortuna il generoso Cal Crutchlow, caduto malamente, sembra non si sia fatto molto male. Secondo tempo per Marquez, generoso come sempre, quarto Iannone con la Suzuki, quinto il Dovi e poi Lorenzo il Magnifico entrambi con la Ducati. Solo nono l’ex “padrone” della MotoGp, 1’31”900 il suo crono  mentre Zarco ( in pole), ha siglato un crono di 1’ 31” 185. l cronometro parla da solo.

Domani alle ore 14 la diretta della gara francese. Da non perdere perché nella notte potrebbero accadere dei…miracoli!

Un commento to “C’è una Yamaha in pole a Le Mans. E’ quella giusta.”

  1. Brusco 54 scrive:

    la Yamaha va.. e i primi sei hanno un bel passo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>