“Demodoco”: il Comune lancia un progetto sperimentale per rimettere in gioco otto persone rimaste senza lavoro

di 

21 maggio 2018

PESARO – La commissione Attività produttive del Comune, in collaborazione con l’Ufficio Sviluppo e opportunità, ha avvito un percorso progettuale per intervenire su situazioni di disagio che afferiscono direttamente  agli strascichi che la crisi economica e finanziaria ha provocato nel nostro territorio.

Il target coinvolto si riferisce a quei soggetti che hanno perso il lavoro per effetto della crisi economica e non usufruiscono di misure di sostegno al reddito; spesso si tratta di soggetti con professionalità qualificate non corrispondenti alle nuove esigenze del mercato del lavoro.

gruppo1 (24)A disposizione del progetto “Demodoco”, 30mila euro, che serviranno per ‘rimettere in gioco’ 8 persone rimaste senza lavoro.

Il progetto scaturisce da un lavoro di squadra portato avanti dalla commissione attività economiche, insieme alle associazioni di categoria e all’Ats n.1. “Una grande opportunità per chi si trova in difficoltà: questo è il progetto ‘Demodoco’ – ha spiegato l’assessore alla Gestione Antonello Delle Noci -. Il lavoro resta sempre fondamentale, ecco quindi che 30mila euro, avuti attraverso un bando nazionale dell’Ufficio Sviluppo e opportunità, saranno messi a disposizione di tirocini per l’inserimento lavorativo di persone che oggi un lavoro non ce l’hanno. L’incontro tra la domanda delle imprese e l’offerta delle persone disponibili può essere davvero un modo per superare le difficoltà:  entrare e rientrare nel mondo del lavoro e magari alla fine del tirocinio, comunque remunerato, si possa avere la possibilità di avere un lavoro a tempo indeterminato”.

Un grande lavoro di squadra: “Ringrazio tutte le forze politiche presenti all’interno della commissione – ha detto ancora l’assessore – perché hanno lavorato tutte con un unico obiettivo. Ringrazio anche le associazioni di categoria per la collaborazione e il loro apporto”.

Il progetto “Demodoco” risponde con modalità innovative ai nuovi bisogni del territorio, prevede percorsi integrati con iniziative che sollecitino i soggetti, rendendoli protagonisti del proprio percorso personale.

I destinatari dovranno avere i seguenti requisiti: Isee da 6mila a 18mila euro; 5 anni di residenza nel territorio comunale, dovranno essere cittadini comunitari di carta Cee; senza essere beneficiari di ammortizzatori sociali.

Per la consigliera comunale Francesca Frenquellucci con questo progetto si raggiungono due obiettivi: “In primo luogo, unendo le forze delle varie componenti politiche si è fatto qualcosa per il bene comune  e inoltre ringrazio le associazioni di categoria che hanno dato la propria disponibilità a partecipare al progetto”.

Il consigliere comunale Marco Perugini ha ricordato che “i Comuni in Italia non sono accreditati per la formazione, ma il Comune di Pesaro cerca di farlo. È un sacrificio non indifferente, che però sta dando dei risultati e uno è proprio questo. Un bel lavoro di squadra”.

Presenti anche le associazioni di categoria. Per Davide Ippaso (Confcommercio),

“L’amministrazione deve dare risposte ai cittadini e questo progetto va in quella direzione”; per Alessandro Ligurgo (Confesercenti) “l’obiettivo è far trovare un’occupazione a quelle persone che oggi sono fuori mercato, persone che abbiano voglia di investire su se stesse”.

Il progetto si declinerà anche sui bisogni delle aziende: il fabbisogno delle aziende verrà sostenuto attraverso la selezione di disoccupati capaci di offrire un supporto lavorativo e professionale alle aziende secondo le necessità produttive.

Sottolinea Silvana Della Fornace (Confartigianato): “l’associazione farà tutto quello che è nelle sue competenze e capacità per individuare delle imprese del territorio che possano partecipare al progetto”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>