“Ciao Mainolds, ci siamo divertiti moltissimo, assieme”: il ricordo di Alessandro Mainoldi

PESARO – Pier Giuseppe Babbi, Giacomo Mariotti, Alberico Miniucchi, Marcello Miniucchi e Sandro Sardella ricordano Alessandro Mainoldi, storica voce della Robur Pesaro e non solo, scomparso domenica all’età di 84 anni:

“Alessandro Mainoldi non era solo la voce della Robur Volley: ne faceva parte, tanto che ce lo trovavamo sempre in mezzo nelle foto che celebravano i nostri successi. Magari aveva ancora in mano il microfono, con il quale pretendeva di continuare a registrare interviste anche quando era inginocchiato accanto alle ragazze, esauste dopo l’ennesima vittoria. Il mitico Mainolds (lo chiamavamo così) si era creato un ruolo tutto suo, a metà tra il giornalista e il promoter, che lo vedeva inventarsene sempre una nuova, pur di far sì che la pallavolo femminile guadagnasse spazio in un mondo in cui basket e calcio la facevano da padrone. La fine della Robur lo ha addolorato moltissimo, e chissà se è un caso doverlo piangere proprio ora che la squadra che ha tanto amato non c’è più. Noi lo immaginiamo mentre ci dice il suo ultimo “Béne” prima di salutarci, come faceva sempre. Grazie, Mainolds: ci siamo divertiti moltissimo, assieme”. Firmato Pier Giuseppe Babbi, Giacomo Mariotti, Alberico Miniucchi, Marcello Miniucchi, Sandro Sardella.

Alessandro Mainoldi (il primo in ginocchio da sinistra) nel giorno di uno scudetto della Robur

Alessandro Mainoldi (il primo in ginocchio da sinistra) nel giorno di uno scudetto della Robur

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>