I commercialisti pesaresi finanziano una borsa di studio per Pesaro 2030

Paolo Balestieri

Paolo Balestieri

PESARO – Una borsa di studio da assegnare a un esperto per l’analisi preliminare dell’impatto socio-economico delle iniziative di “Pesaro 2030″. A finanziarla è l’Ordine dei commercialisti ed esperti contabili di Pesaro e Urbino in base a una convezione firmata qualche settimana fa con il Dipartimento di Economia, società, politica (Desp) dell’Università di Urbino. Tremila euro è il contributo stanziato dai commercialisti pesaresi. All’Università di Urbino spetta invece il compito di pubblicare il bando per l’individuazione dell’esperto che sarà incaricato dello studio preliminare sull’impatto sociale ed economico degli obiettivi che l’amministrazione comunale si è posta di raggiungere sui fronti dell’urbanistica, infrastrutture e investimenti, con il progetto “Pesaro 2030″. Un progetto nel quale l’Ordine dei commercialisti è coinvolto in prima linea con la funzione di supporto al Comune di Pesaro nella valutazione della fattibilità e per la realizzazione delle iniziative previste per i prossimi anni.

“Come Ordine – spiega il presidente dell’Ordine dei commercialisti di Pesaro e Urbino, Paolo Balestieri – non abbiamo esitato a proporre questa iniziativa che considero importante anche perché coinvolge la nostra Università la quale dovrà identificare il meritevole assegnatario della borsa di studio. Siamo convinti che questa borsa di studio costituisca un valido strumento per valutare l’impatto socio-economico del progetto “Pesaro 2030″ a beneficio dell’intera comunità della provincia di Pesaro-Urbino. Un plauso all’amministrazione comunale per queste importanti forme di relazioni istituzionali che coinvolgono le categorie professionali nell’attività di sviluppo produttivo del territorio. “

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>