Hangartfest, alle porte il secondo weekend fra Belgio, Turchia e la pesarese Melissa Ugolini

di 

11 settembre 2018

PESARO – In seguito al successo di pubblico che ha caratterizzato il debutto della XV edizione durante lo scorso weekend, Hangartfest, che da quest’anno si avvale del riconoscimento del MIBAC Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ospiterà venerdì prossimo (14 settembreore 21, Chiesa della Maddalena) con il sostegno della Comunità Francofona del Belgio WBI Wallonie Bruxelles International, la prima nazionale de IL DOLCE DOMANI della coreografa italiana Lisa Da Boit.

Lo spettacolo, pluripremiato in Belgio come miglior lavoro di danza contemporanea del 2015, porta in scena l’umanità che si trova faccia a faccia con i propri limiti, tra slanci e fallimenti. Un’ode al tempo che passa, un viaggio tra luci e ombre dell’esistenza. Dei fermo immagine che piazzano lo spettatore davanti ad un quadro, dove nel ricomporre i singoli pezzi è possibile cogliere il senso delle cose.

A fine della rappresentazione torna L’INCONTRO CON L’ARTISTA curato da Silvia Poletti, storico, giornalista e critico di danza che dialogherà con Lisa Da Boit. L’appuntamento rientra nel progetto EXPLORER, il programma di sensibilizzazione dello spettatore alle arti performative che ha lo scopo di fornire strumenti di lettura critica al fine di “costruire” un pubblico più consapevole.

IL DOLCE DOMANI sarà replicato sabato 15 alle 21.00 alla Chiesa della Maddalena (Ingresso € 10 intero, 7 ridotto), dove verrà realizzato anche Il Laboratorio Intergenerazionale aperto al pubblico di qualsiasi età, condotto da Lisa Da Boit e dai danzatori della Compagnia Giolisu. Non sono richieste basi di danza. La partecipazione è gratuita previa iscrizione.

Domenica 16 alle ore 21.00, sempre alla Chiesa della Maddalena sarà presentata la prima italiana di ONE BY ONE. Lo spettacolo vede protagonisti gli stessi coreografi: l’artista turco Evrim Akyay e la pesarese Melissa Ugolini. Quest’ultima torna a Pesaro dopo una brillante carriera internazionale a fianco di importanti coreografi della scena contemporanea. Melissa conferma l’attenzione che il Festival da sempre rivolge ai talenti del territorio. La performance è un viaggio introspettivo che ha l’intento di rispecchiare un senso generale di giocondità nei rapporti interpersonali. La relazione tra i due interpreti si evolve da una amichevole complicità ad un finale che vede i due ego cominciare a cozzare. La mancanza di un contesto spazio-temporale sottolinea la dualità che vive in ciascuno di noi. Ingresso € 10 intero, 7 ridotto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>