La Regione cofinanzia con 200mila euro la manutenzione straordinaria delle scogliere pesaresi di Ponente

di 

19 ottobre 2018

PESARO – «Promessa mantenuta. Dopo 30 anni ripartiranno i lavori di manutenzione delle scogliere di Ponente». Andrea Biancani, presidente della commissione ambiente, comunica con soddisfazione la notizia che il comune di Pesaro riceverà dalla Regione Marche un finanziamento di 200mila euro per il progetto di riqualificazione delle scogliere sommerse di fronte al tratto di spiaggia tra la sfera grande di Pomodoro e il porto. «Anche quest’anno – afferma Biancani – laRegione Marche ha previsto fondi per la manutenzione della costa da destinare ai comuni. Per le strutture rigide di difesa, in particolar modo per le scogliere, sono state messe a bando risorse per 1 milione di euro. Per poter partecipare all’assegnazione di questi fondi – puntualizza – i comuni dovevano presentare un progetto che prevedeva un cofinanziamento regionale pari al 50%, per un massimo di 200mila euro. Il progetto del comune di Pesaro, per un importo complessivo di 430mila euro, risulta primo tra quelli presentati dai cinque comuni vincitori del bando». Il comune ha proposto la manutenzione straordinaria della costa tramite rifiorimento con massi naturali delle scogliere e tra i requisiti richiesti dalla Regione vi era quello di riqualificare opere che non sono state oggetto di interventi negli ultimi 5 anni. «La scelta strategica della Regione di cofinanziare i progetti delle amministrazioni comunali – sottolinea Biancani – permette di unire le forze e di raddoppiare le risorse messe in campo. Il risultato ottenuto da Pesaro consente di partire con il primo progetto di sistemazione delle cosiddette barriere soffolte, sommerse, meno impattanti anche dal punto di vista visivo. Questo è l’inizio di un percorso, sarà importante individuare ulteriori risorse per finanziare il secondo stralcio, per poi passare agli altri tratti di costa del territorio comunale, così come condiviso tra l’amministrazione comunale e i rappresentanti degli operatori».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>