Volley in lacrime per la morte di Sara Anzanello, 38 anni: fu grande avversaria della Scavolini Pesaro campione d’Italia

di 

25 ottobre 2018

Sara Anzanello in campo a Pesaro in gara 2 della finale scudetto 2008/09 (Foto Brody x LVF)

Sara Anzanello in campo a Pesaro in gara 2 della finale scudetto 2008/09 (Foto Brody x LVF)

Avevamo in tempo a gioire per la medaglia d’argento conquistata dall’Italia allenata da Davide Mazzanti, a piangere di gioia per le ex colibrì Carlotta Cambi, Cristina Chirichella, Monica De Gennaro e Serena Ortolani, che dobbiamo piangere ancora. Oggi, però, non sono lacrime di gioia. Oggi piangiamo la prematura scomparsa di Sara Anzanello, morta a soli 38 anni.

Il sito web della Lega Pallavolo Serie A Femminile la ricorda così:

Nata a San Donà di Piave nel luglio del 1980, esordì in Serie A a Novara nemmeno ventenne. All’Agil Volley, poi Asystel, legò gran parte della sua carriera, conquistando una Coppa Italia, due Supercoppe Italiane, una Coppa CEV e due Top Teams Cup. Nel 2009 passò a Villa Cortese, dove vinse due Coppe Italia e raggiunse per due volte la Finale Scudetto. Nel 2011-12 si trasferì all’estero, in Azerbaijan, nell’Azerrail Baku.

Straordinari i risultati ottenuti con la Nazionale: Sara fece parte della squadra che vinse i Mondiali nel 2002, quindi partecipò ai successi in Coppa del Mondo nel 2007 e nel 2011, ottenendo numerose altre medaglie tra Europei e World Grand Prix.

Nel 2013 il primo improvviso stop all’attività agonistica e una lunga battaglia per sconfiggere l’epatite fulminante e sostenere il trapianto di fegato a cui dovette sottoporsi. Riuscì a tornare al suo amore, la pallavolo, dapprima come team manager del Club Italia nel 2015, quindi in campo con la formazione di B1 dell’Igor Volley Novara.

Dopo l’operazione divenne testimonial di numerose campagne a favore della donazione degli organi e si impegnò socialmente in progetti per la formazione dei giovani sportivi.

In occasione della 1^ giornata del Campionato di Serie A1 e della 4^ giornata del Campionato di Serie A2, in programma nel prossimo weekend, Sara Anzanello sarà ricordata su tutti i campi con un minuto di raccoglimento.

Noi la ricordiamo a passeggio sul lungomare di Pesaro, con alcune compagne di squadra dell’Asystel Novara, a poche ore dalla partita con la Scavolini. Sia con Novara sia con Villa Cortese, Sara è stata grande avversaria delle colibrì negli anni più belli della pallavolo pesarese. Era in campo – come mostra la foto – nella seconda finale scudetto vinta da Carolina Costagrande e compagne.

Una grande giocatrice, una bella persona.

Ciao Sara, che la terra ti sia lieve.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>