Poker di Borruto, Italservice ok con Arzignano (4-1). Premiato Tonidanel, esordio toccante per il baby Polidori

di 

23 novembre 2018

ITALSERVICE PESARO – ARZIGNANO 4-1 (3-0)
ITALSERVICE PESARO
: Miarelli, Honorio, Borruto, Taborda, Marcelinho, Del Grosso, Guennounna, Tonidandel, Fortini, Salas, Polidori, Mateus, Elenilson, Borrea. All. Colini
ARZIGNANO: Urbani, Linhares, Tres, Salamone, Paulinho, Fongaro, Marcio, Rosa, Amoroso,  Zarantonello, Houenou. All. Boschetto
ARBITRI: Di Nicola e Adilardi (crono Ghetti)
RETI: 11’56”, 16’23” e 19’18” Borruto (P) del pt; 6’57” Amoroso (A), 11’35” Borruto (P) del st
NOTE: ammoniti Salamone, Marcio

PESARO – Il Cobra cala il poker e Pesaro torna a vincere. L’Italservice fa fuori Arzignano (4-1) con quattro splendidi gol dell’argentino e si prepara alla grande sfida in casa della capolista Maritime, ieri sconfitta nel derby siciliano. La distanza in classifica si è dunque ridotta e l’occasione l’8 dicembre sarà ghiotta.

Borruto ritorna a colpire in campionato, dopo aver già messo il suo sigillo in Coppa Divisione: reti deliziose per controllo della palla ed eleganza: salgono così a 13 le marcature personali del capocannoniere indiscusso del campionato. L’Arzignano viene messa sotto dalla superiore intensità dei ragazzi di Colini, spinti da una buona cornice di pubblico. Durante l’intervallo, poi, la società concede un tributo al suo capitano, Felipe Tonidandel: il giocatore più rappresentativo del club viene premiato con una targa per le sue 150 presenze in casacca Italservice.

Ripresa con gli ospiti decisi ad accorciare le distanze: vi riescono al 7’ con la deviazione sotto porta di Amoroso sul tiro di Paulinho. Ma Borruto continua il suo show e al 12’ chiude la partita con la quarta perla. Q A nulla servono i tentativi ospiti con il portiere in movimento, anzi quasi arriva la beffa con Salas che tenta la palombella dalla sua metà campo. Nel finale emozionante episodio, con mister Colini che fa debuttare il baby Polidori, che aveva perso l’adorato nonno poche ore prima.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>