Sul palco del Teatro Sanzio “Cita a ciegas (confidenze fatali)” con Gioele Dix, Laura Marinoni e Elia Schilton

Cita-a-ciegas_1600URBINO – Lunedì 14 gennaio prosegue al Teatro Sanzio di Urbino la stagione promossa dal Comune con l’AMAT. In scena in esclusiva regionale Cita a ciegas (confidenze fatali) di Mario Diament con Gioele Dix, Laura Marinoni, Elia Schilton, Sara Bertelà, Roberta Lanave diretti dalla regia di Andrée Ruth Shammah.

Un thriller appassionante, un avvincente intreccio di incontri apparentemente casuali dove violenza, inquietudine e comicità serpeggiano dentro rapporti d’amore. Andrée Ruth Shammah, nella bella scena di Gianmaurizio Fercioni, fa conoscere Diament con una regia di raffinata classicità, luminosa, capace di valorizzare i significati del testo, la parola e l’attore.

Cita-a-Ciegas_-Laura-Marinoni-e-Gioele-Dix_foto-di-luca-del-piaUn uomo cieco è seduto su una panchina di un parco a Buenos Aires. È un famoso scrittore e filosofo – chiaramente ispirato all’autore argentino Jorge Luis Borges – che era solito godersi l’aria mattutina. Quella mattina, la sua meditazione viene interrotta da un passante: da qui una serie di incontri e dialoghi svelano legami tra i personaggi sempre più inquietanti, misteriosi e a tratti inaspettatamente divertenti. Come Borges, che crebbe parlando e scrivendo in inglese e spagnolo e visse in diversi paesi, Diament è uno scrittore interculturale, un emigrato e un esule che scrive della e sull’Argentina, sull’identità e l’isolamento, come fece il grande poeta argentino.

Le luci dello spettacolo – prodotto da Teatro Franco Parenti e Fondazione Teatro della Toscana – sono di Camilla Piccioni, i costumi di Nicoletta Ceccolini e le musiche di Michele Tadini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>