Il ‘sogno’ di Ricci guarda a piazza Moro: «Quanto sarebbe bello un collegamento così tra centro e mare…»

di 

23 gennaio 2019

foto piazza moroPESARO – Matteo Ricci va con lo sguardo al futuro e apre il dibattito, prendendo spunto da una foto storica pubblicata dal Carlino. Un’immagine in bianco e nero, mostrata dal sindaco su facebook. Di «quando la città era una cosa sola, dalla piazza fino al mare – come da didascalia -. E ad unirle era viale della Repubblica, con largo Moro vera appendice di via Rossini». Si tratta di una cartolina presa ad emblema da Ricci. Perché racchiude l’idea, già palesata in passato dal sindaco, di una trasformazione dell’area di largo Aldo Moro. Verso una piazza, con un passaggio pedonale e ciclabile fino alla Palla. Di sicuro «un sogno», ma le recenti evoluzioni sull’ex Bramante, con l’arrivo del fondo inglese e il coinvolgimento di partner locali (William Guerra), aggiungono nuovi elementi di concretezza al quadro.

Dice Matteo Ricci: «La Statale è oggettivamente una barriera per pedoni e biciclette. E i sottopassi sono stati riqualificati, ma non vengono ancora utilizzati al meglio (nei giorni scorsi, peraltro, Ricci ha anche escluso la fattibilità dei bagni nei tunnel sotterranei)». Così il sindaco rilancia il progetto dell’interramento della Statale. Proprio nel tratto di largo Aldo Moro: «So bene che è un intervento costoso e non facile. Ma gli acquirenti dell’ex Bramante sono interessati a collaborare allo sviluppo del progetto (come oneri di urbanizzazione, ndr), alleggerendo l’intervento pubblico di Anas e Comune». E allora Ricci butta la palla più in là: «Io ci lavorerei. Non sono un nostalgico: ma quanto è bella l’idea di un collegamento del genere tra centro e mare?». Raccogliendo i consueti pareri sui social network.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>