Il 2019 del Panathlon Club Pesaro è scattato incontrando l’ultrarunner Alice Modignani Fasoli

di 

18 febbraio 2019

DSC_0502PESARO – Il 2019 del Panathlon Club Pesaro è iniziato incontrando l’ultrarunner Alice Modignani Fasoli. La serata è stata condotta dal Consigliere Angelo Spagnuolo e organizzata dal socio Marcello Tecchi, che con Alice condivide la passione sportiva e la partecipazione a numerose competizioni.

La carriera di Alice Modignani Fasoli inizia nel 2009, con la 100km del Sahara, e da subito colleziona podi. Una bella storia quella raccontata ai soci del Club pesarese, che parte con un licenziamento preso come opportunità per sviluppare la propria passione. “Quando ho perso il lavoro dopo 17 anni, ho deciso di godermi i due anni di disoccupazione a cui avevo diritto e di utilizzarli per allenarmi – racconta l’atleta – È bello fare parte del Ferrino Woman Team, con le altre ragazze non c’è competizione, ci sosteniamo a vicenda. Siamo quattro donne mature e con caratteristiche diverse, non facciamo le stesse gare, ci conosciamo da anni e siamo amiche. Non faccio allenamenti particolari, in questo tipo di disciplina non è importante tenere un’andatura costante, la velocità è bassa a causa dei percorsi impervi, serve molta motivazione mentale. Mentre corri ti guardi intorno, ti godi il panorama, non corri su strada, sei in mezzo alla natura, intorno a te ci sono cose bellissime che non puoi non ammirare. Tra le cose più emozionanti c’è la prima alba del Tor Des Geants, a 3.300 mt di altezza, di solito si riesce a vederla la prima notte di gara e rimane impressa. Anche l’Australia mi è rimasta dentro, ma perché ho fatto talmente tanta fatica che non la dimenticherò mai. I miei obiettivi per il 2019: partecipare nuovamente al Tor Des Geants, a settembre, stando sotto le 113 ore; a Marzo ho in programma una gara da 70 km, il Chianti Ultra Trail; ad aprile parteciperò alla 100 Miglia dell’Istria; a maggio il Trail di Minorca da 185 km. In queste gare non ci sono premi in denaro, è uno sport per appassionati, che ha costi importanti. Gli sponsor aiutano fornendo il materiale sportivo e le iscrizioni, e io mi sento fortunata così”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>