Difesa della costa di Pesaro, Biancani: «La Regione finanzia con 175mila euro il completamento delle scogliere di Ponente».

di 

9 marzo 2019

incontro biancani operatori balneari 3PESARO – Con un contributo di 175mila euro la Regione cofinanzia al 50% con il Comune di Pesaro il secondo stralcio dei lavori di manutenzione straordinaria delle scogliere sommerse di Ponente. La notizia l’ha comunicata Andrea Biancani, presidente della commissione ambiente, in occasione di un incontro da lui promosso con alcuni rappresentanti degli operatori balneari della città. «Il contributo della Regione – precisa Biancani – si aggiunge a quello di 200mila euro già assegnato in autunno per il primo stralcio e consente di completare la riqualificazione delle scogliere nel tratto tra la sfera di Pomodoro e il Porto». Le risorse erano state messe a disposizione un anno fa dalla Regione con un bando per il cofinanziamento (massimo al 50%) di progetti comunali dedicati alla manutenzione della costa. Tra i requisiti richiesti riqualificare opere che non erano state oggetto di interventi negli ultimi 5 anni e prevedere strutture rigide. Il Comune di Pesaro ha proposto la manutenzione straordinaria della spiaggia di Ponente tramite rifiorimento con massi naturali delle scogliere, ottenendo lo scorso ottobre un primo finanziamento di 200 mila euro, a fronte di un progetto per il primo tratto di costa di 430mila euro. «Grazie a delle economie – puntualizza Biancani – è stato riaperto il termine per la presentazione dei progetti e il Comune di Pesaro ha proposto anche il secondo stralcio di lavori, per un importo di 350mila euro. L’intervento consiste nella sistemazione delle cosiddette barriere soffolte, sommerse, strutture meno impattanti anche dal punto di vista visivo». L’investimento complessivo, in totale 780 mila euro, dovrà essere documentato dal Comune entro il 30 agosto del 2020. «La scelta strategica della Regione di cofinanziare i progetti delle amministrazioni comunali permette di unire le forze e di raddoppiare le risorse messe in campo. Dopo trent’anni – evidenzia Biancani – siamo riusciti a far ripartire i lavori sulla spiaggia di Ponente con un progetto condiviso con il Comune e le associazioni degli operatori balneari. Per difendere la costa serve investire non solo nei ripascimenti, ma anche nella manutenzione delle scogliere che dovrebbero garantire nel tempo una maggiore sicurezza e stabilità della spiaggia».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>