Vuelle a Cremona per sfruttare l’onda lunga dell’entusiasmo della gagliarda rimonta su Avellino

di 

5 aprile 2019

PESARO – Sei partite alla fine del campionato, quattro trasferte e due impegni casalinghi, tre o forse due vittorie ancora da conquistare per raggiungere matematicamente la salvezza, cominciamo a dare i numeri, inevitabile a questo punto del campionato, così come compilare tabelle salvezza e aggiornare la situazione degli scontri diretti, quelli che potrebbero risultare determinanti, perché se Pesaro dovesse salvarsi, lo dovrebbe in gran parte per il 2 a 0 con Pistoia.

E’ un campionato strano, ma lo avevamo capito quasi subito, dato che la stessa Vuelle a un certo punto si era trovata al settimo posto, ed era una squadra più debole di quella attuale, senza Lyons e con un allenatore “normale” come Galli, anche se poi Boniciolli deve ancora dimostrare di essere un fattore per la salvezza, al di là dell’impatto mediatico, certamente superiore a quello del suo predecessore, ma un coach deve sapere mischiare le due cose, e dare una scossa alla squadra anche dal punto di vista tecnico.

Delle quattro squadre in fondo alla classifica, quella messa meglio sembra essere Reggio Emilia, sia perché gli arrivi di Pillastrini in panchina e di Johnson-Odom in campo ne hanno alzato il tasso tecnico, sia perché è quella con un calendario più abbordabile e con gli scontri diretti più favorevoli, a partire dal più 42 con Pesaro, differenza non ribaltabile dalla Vuelle anche in caso di successo nel ritorno, e del più due con Pistoia, l’unico scontro diretto sfavorevole i reggiani ce l’hanno con la Fiat, visto che Torino ha vinto entrambi gli scontri diretti, e i piemontesi possono vantare anche un più sei ottenuto all’andata contro Pistoia e a questo punto, è chiaro che la partita spartiacque sarà proprio Pistoia-Torino, in programma domenica 14 alle 18.30, match dove l’Oriora ha una delle ultime possibilità per raddrizzare la sua situazione, vincendo e ribaltando anche il meno sei, altrimenti i toscani si troverebbero veramente sull’orlo del baratro.

artisTutti questi conti servirebbero poco, se la Vuelle riuscisse a salvarsi con le proprie forze, ma per farlo dovrebbe magari vincere una delle due trasferte che l’aspettano nei prossimi due turni, cominciando da un campo sempre ostico come quello di Cremona, ma non è che a Trento le cose storicamente per la Vuelle siano andate meglio, la Vanoli all’andata impartì una severa lezione agli uomini allora allenati da coach Galli, mostrando oltre al solito attacco effervescente – 122 punti – tipico delle squadre di Sacchetti, una difesa tutt’altro che disprezzabile, ma stiamo parlando della vincitrice della Coppa Italia, di una formazione in piena lotta per il terzo posto e che se fossimo le avversarie, non vorremmo mai trovarcela di fronte nei playoff, le speranze di tornare a casa con i due punti in tasca sono francamente pochissime, e come sempre, seguiremo con attenzione i risultati altrui, con Pistoia che sarà impegnata nella delicata trasferta di Bologna, mentre Torino e Reggio Emilia potrebbero approfittare del doppio impegno casalingo, per muovere la classifica, con la Fiat che ospiterà Varese, mentre la Grissin Bon riceverà la visita di Trento, diciamo che, ancora una volta, se domenica sera il vantaggio su Pistoia rimanesse immutato, sarebbe un’altra giornata da archiviare positivamente, con i tifosi pesaresi che tiferanno, magari a malincuore, per la Virtus, che mercoledì sera si è conquistata l’accesso alle Final Four di Champions League e che ha bisogno di punti per rimanere attaccata al treno playoff, in attesa della sfida tra l’Oriora e la Fiat della domenica successiva che chiarirà molte cose.

 

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

VANOLI CREMONA – VICTORIA LIBERTAS PESARO

DOMENICA 7 APRILE – ORE 18.30 – PALARADI DI CREMONA

Risultato dell’andata: Pesaro-Cremona 106-122

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Cremona è una delle sole tre squadre che ha scelto di rimanere con la formula del 5+5, e d’altra parte se hai come allenatore il coach della Nazionale la scelta sembra quasi scontata, perché Sacchetti è uno dei più bravi nel tirare fuori il meglio da giocatori non baciati in fronte dagli dei del basket, l’esempio più lampante rimane quello di Giampaolo Ricci, uno di quelli che ha contribuito a riportare la Nazionale ai mondiali, che magari rispetto all’anno scorso ha abbassato le sue statistiche, ma che rimane uno dei migliori “panchinari” del campionato, naturalmente avere come italiano Travis Diener ti alza la qualità del gruppo, in cui spicca anche il talento di Michele Ruzzier, fresco di rinnovo fino al 2021, con Giulio Gazzotti che può giocare minuti di discreta qualità.

E se gli italiani non sono malaccio, i cinque stranieri della Vanoli hanno talento da vendere, a cominciare dalla coppia di guardie formata dal serbo Stojanovic e dall’americano Saunders, più tiratore il primo, più atletico il secondo, con Drew Crawford che dopo essere stato Mvp della Coppa Italia ha continuato a giocare in maniera molto positiva, in un ruolo come quello di ala piccola, dove Peyton Aldridge è in grado di far male alle difese avversarie con le sue triple, senza dimenticarsi del grande contributo dato dall’australiano Mathang sotto i tabelloni, per una Vanoli che punta ad arrivare terza nella regular season e dare fastidio a tutti nei playoff.

IL DUELLO CHIAVE

Egidijus Mockevicius vs Mangok Mathiang: Il centro lituano della Vuelle è atteso ancora una volta da un compito tutt’altro che semplice, come quello di arginare la potenza atletica del lungo sudanese, con passaporto australiano, pivot con buoni movimenti spalle a canestro e di chiudere con spettacolari schiacciate gli assist distribuiti da Travis Diener.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Si andrà avanti così, perché in Via Bertozzini pensano che la vittoria contro Avellino abbia semplificato di molto le cose e che spendere 20-25mila euro per un nuovo giocatore, sarebbe stata una spesa extra non indispensabile, sperando che non arrivino brutte notizie da Bologna e che lunedì mattina, non debbano attaccarsi al telefono e richiamare i procuratori lasciati in standby in questi giorni, alla ricerca di quel rinforzo che coach Boniciolli accoglierebbe a braccia aperte. Come sempre, manca un pizzico di lungimiranza in casa Vuelle, manca una prospettiva per il futuro, perché se ritengono che la pratica salvezza sia già stata archiviata, sarebbe arrivato il momento di pensare al futuro, di comprendere che nessuno di quelli che vestono la maglia biancorossa attualmente li rivedremo l’anno prossimo e che fare arrivare un nuovo straniero, anche se solo per un mesetto, oltre che aumentare il tasso tecnico attuale della squadra, ci avrebbe dato la possibilità di valutare se tenerlo o meno l’anno prossimo.

Si andrà avanti così dicevamo, perché stranamente, invece di tentare di prendere un giocatore proveniente dalla G-League, si è battuta una strada diversa, quella di atleti ancora sotto contratto, con tanto di buyout da elargire, e questo ha complicato parecchio le trattative, sia quella con Jankovic che quella con Orlando Johnson, con i quali si era raggiunto un accordo di massima, prima di scontrarsi con i buyout richiesti dalle relative società di appartenenza, ma nulla ci vieta comunque di rimanerci in contatto, una volta finito il campionato, perché un atleta del valore e dell’esperienza di Vladimir Jankovic, farebbe molto comodo alla Vuelle che verrà, e non è casuale che il serbo con passaporto greco, fosse il nome in cima alla lista di coach Boniciolli, che di allenare ragazzi americani appena sbarcati in Italia, non ha troppa voglia.

Si andrà avanti così, rispedendo Lamond Murray in tribuna, per rimettere nei dodici Shashkov, anche se nessuno dei due scenderà in campo super motivato e il loro contributo rimarrà marginale, come quello di Artis, che dalla crescita di Lyons ha cominciato la sua parabola discendente, con poche possibilità di arrestarla, ci si dovrà affidare così ai soliti noti, al trio Blackmon, McCree e Mockevicius, che insieme a Lyons dovranno sempre dare il 110%, sperando che Zanotti sia quello visto con Avellino e che Monaldi tenga il campo in maniera dignitosa. Un nuovo acquisto, sarebbe stato un segnale importante da dare alla tifoseria da parte della società, perché avrebbe significato che la Vuelle voleva salvarsi con le proprie forze, senza aspettare le disgrazie altrui, e che società e allenatore la pensavano nella stessa maniera, perché vi rammentiamo che Boniciolli, nelle conferenze stampa post Bologna e Avellino, aveva pubblicamente ringraziato la società per lo sforzo che stava compiendo nel tentativo di comprare quel giocatore di esperienza tanto agognato, e il mancato acquisto potrebbe essere il preludio ad un futuro divorzio, mentre la Vuelle avrebbe bisogno di ripartire da un allenatore esperto ed in grado di dire la sua anche in campagna acquisti.

Si andrà avanti così, perché i 25mila euro risparmiati, faranno comodo in estate, sperando che gli dei del basket continuino ad avere un occhio di riguardo per la Vuelle e che coach Moretti, non riesca nell’impresa di vincere 4 o 5 partite di quelle rimaste, altrimenti i soldi risparmiati varrebbero veramente poco.

LA VENTICINQUESIMA GIORNATA IN PILLOLE

Niente anticipo al sabato, in un venticinquesimo turno che si chiuderà martedì sera col posticipo tra Avellino e Trieste, la domenica del basket sarà inaugurata dal match di mezzogiorno tra una Torino alla ricerca di punti salvezza e una Varese all’inseguimento del quarto posto, alle 17 Milano cercherà di blindare il suo primo posto superando Sassari, mentre un’ora più tardi Reggio Emilia potrebbe togliersi definitivamente dai guai, battendo Trento, alle 19, una Virtus Bologna alla ricerca di punti playoff, cercherà di aver la meglio su una Pistoia in cui debutterà coach Moretti, con Brindisi e Venezia che dovrebbero dare vita ad un match spettacolare e dal punteggio elevato, in una domenica che si chiuderà col derby lombardo tra Cantù e Brescia

.

I PROSSIMI TURNI DELLA VICTORIA LIBERTAS

Domenica 14 aprile – ore 19.30:

Dolomiti Energia Trento – Victoria Libertas Pesaro

 

Sabato 20 aprile – ore 20.30

Victoria Libertas Pesaro – Banco di Sardegna Sassari

 

Domenica 28 aprile – orario da definire

Open Job Metis Varese – Victoria Libertas Pesaro

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>