Pasqua amara per la Vis. Il Teramo vince 2-1. Salvezza ancora da guadagnare

di 

20 aprile 2019

teramo1TERAMO – Pasqua amara per la Vis Pesaro. Dopo aver toccato il cielo con un dito per la vittoria nel derby sul Fano, i pesaresi tornano sulla terra crollando 2-1 a Teramo al termine di una sconfitta aggravata da parecchi risultati infelici dagli altri campi. Perché quella zona playout allontanatasi a 5 punti di distacco dopo il derby, ora torna vicina 2 lunghezze. Quelle dei 38 punti di Renate e Virtus Verona.

Nella notturna dello stadio Bonolis di Teramo accade tutto nella ripresa. Dopo un primo tempo equilibrato, ma senza acuti, la Vis si illude dopo 8 minuti quando guadagna un rigore grazie a una buona penetrazione in area di Tessiore e Guidone. Dal dischetto si presenta Petrucci che fa 0-1 quando Pacini smorza un pallone centrale che però finisce comunque in rete. È un fuoco di paglia, però. Perché dopo tre minuti un cross dalla destra porta Infantino al pareggio di testa. L’inerzia passa dalla parte del Teramo che accelera e raddoppia con un gol-capolavoro di Ventola: l’esterno destro del Teramo dal vertice dell’area libera un siluro che si spegne all’incrocio dei pali.

La Vis si affanna alla ricerca del pareggio, ma non trova mai una palla-gol per avvicinarvisi. Finisce 2-1 per il Teramo e la Vis deve ora guardarsi dal ritorno d’entusiasmo del Rimini (che in serata si è scrollato il penultimo posto raggiungendo quota 37) che domenica 28 aprile sarà al Benelli in un altro derby infuocato.

TERAMO – VIS PESARO 2-1

TERAMO (3-5-2): Pacini; Polak, Caidi, Fiordaliso; Ventola, Proietti, Spighi (43’st Spinozzi), De Grazia (28’st Armeno), Celli; Sparacello (31’st Zecca), Infantino. All. Maurizi

VIS PESARO (3-5-2): Tomei; Pastor, Briganti, Gennari; Petrucci, Tessiore (30’st Voltan), Paoli, Buonocunto (30’st Lazzari), Rizzato (22’st Testoni); Olcese, Guidone. All. Colucci

ARBITRO: Moriconi di Roma

Reti: 8’st Petrucci (rig.), 11’st Infantino, 26’st Ventola

Note: spettatori 1355. Ammoniti Rizzato, Ventola, De Grazia, Spighi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>