Canone Rai obbligatorio per bed and breakfast e affittacamere

di 

21 maggio 2019

La sede della Confcommercio

La sede della Confcommercio

PESARO – Recenti interventi della Guardia di Finanza hanno portato al sequestro di televisioni all’interno di bed and breakfast e affittacamere con l’accusa di violazione dei diritti d’autore, il sequestro è avvenuto a seguito delle verifiche sul regolare pagamento del canone Rai.

“Al riguardo – fa sapere la Confcommercio – segnaliamo che la Rai ha pubblicato sul proprio sito le risposte aggiornate alle principali domande relative alle nuove modalità di pagamento del canone. Tra i principali chiarimenti forniti dall’Azienda è stato precisato che la detenzione di un apparecchio televisivo fuori dall’ambito familiare comporta l’obbligo di stipulare un “canone speciale” che è sicuramente più oneroso del comune canone che si paga per una abitazione. Pertanto in tutti quei casi in cui l’apparecchio sia installato in locali che ne permettano la visione anche ai propri clienti, è dovuto non già il canone ordinario, ma quello speciale”.

Conclusione: “La Rai conferma quindi che i contribuenti titolari di un bed and breakfast o affittacamere che detengono apparecchi televisivi visibili dai clienti hanno l’obbligo di stipulare un abbonamento Rai speciale e di pagare alla Siae il relativo compenso per i diritti d’autore”. Firmato Confcommercio-Federalberghi Pesaro e Urbino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>