Sedicenne pesarese vince al Misano World circuit: Diego Di Fabio trionfa nel Mini Challenge

di 

21 maggio 2019

MISANO ADRIATICO (Rimini) – E’ stata una domenica speciale per il 16enne pilota pesarese Diego Di Fabio, alla sua seconda gara assoluta in auto, in un campionato competitivo come il “Mini Challenge”, Diego ha ottenuto una stupenda vittoria in Gara- 2, al “Marco Simoncelli”, il circuito di casa. Un successo speciale, non solo perché è il primo, ed ottenuto a Misano, ma perché è la conferma del talento di Diego, del quale in parecchi ne stiamo parlando da tempo.

Dopo il debutto di Monza, che Diego ci ha raccontato nell’incontro della scorsa settimana, dove ha dimostrato fin da subito di saper gestire con una disarmante maturità che va oltre i suoi sedici anni, quello che può essere il realizzare un sogno inseguito e voluto fin da bambino. A Misano la “maturità” di Diego è venuta fuori ancor più prepotentemente, era nell’aria che le potenzialità del pesarese dovevano trovare subito un giusto e meritato riconoscimento e l’appuntamento di casa non poteva essere che il luogo perfetto.

Andiamo ad analizzare le due gare di 25 minuti più 1 giro, che compongono ogni week end del “Mini Challenge JWC”, che si disputa con la versione John Cooper Works, una 2.000 cc. turbo che sviluppa come da regolamento 265 cv nella versione “Pro” e 230 nella versione “Lite” la categoria di Di Fabio. Sabato nelle qualifiche su una pista semi umida Diego non ha forzato utilizzando degli pneumatici usati, ottenendo comunque il secondo tempo della sua categoria. Domenica mattina in Gara-1 il pesarese è rimasto “imbottigliato” in partenza, costretto a recuperare sulla pista inizialmente bagnata, che andata poi asciugandosi ha reso ancora più difficile il tentativo. Giro dopo giro Diego guidando pulito gestendo il degrado degli pneumatici, è risalito e quando era pronto per l’attacco al secondo posto, l’entrata in pista sul finire della Safety Car per un incidente, gli ha negato la rimonta. Risultato, un terzo posto ottenuto con di grinta, punti importanti in ottica campionato, però con qualche recriminazione che è servita a Diego come vedremo da sprono.

Gara-2 ha preso il via alle 19 di domenica, dopo una giornata con meteo autunnale, che anche per le Mini ha deciso di non fare sconti. In Gara-2 si parte secondo l’ordine di arrivo della prima, Diego è scattato subito bene, mentre “studiava” la gara mantenendo la seconda posizione, ecco le bizze del cielo. Partiti tutti con le slick, la situazione negli ultimi giri si è fatta difficile, ed ecco che le doti di Diego sono venute fuori, gestendo da pilota d’esperienza la gara si è lanciato alla ricorsa del suo principale avversario, il capo classifica Filippo Bencivenni, aiutato da una Mini che sembra avere qualcosa in più. Fin quando il leader è incappato in un errore, ecco che sono iniziati gli ultimi giri da gestire con esperienza. Diego con pista umida ha dimostrato di avere un grande potenziale, senza lasciarsi coinvolgere dalle bagarre altrui, trovandosi con la sua bella prestazione in mezzo alla classe Pro, chiudendo con la splendida prima vittoria. Grande gioia per papà Gianluca e mamma “Dori”, grande esultanza anche per gli uomini del Team “AC Racing Technology” di Brescia, come per i “sostenitori” fondamentali per l’avventura di Diego, a partire dalla Concessionaria B.M.W. e Mini di Pesaro “Car Point” del Gruppo DI.BA., l’azienda perugina “Pronto Green” leader nel settore degli alimenti surgelati, la “Tecno-Med” importante azienda pesarese specializzata nel settore dentale. Un mese di tempo ed il 22-23 giugno l’appuntamento del “Mini Challenge” andrà in scena al “Dino ed Enzo Ferrari” di Imola, altre due emozionanti gare, in un altro autodromo che è sinonimo di motorsport con la maiuscola. Un altro appuntamento importante per Di Fabio, secondo nel Campionato “Lite”, il …nostro pilota, dovrà sostenere l’ennesimo “esame”, con ben due obbiettivi importanti da seguire, continuare nella conoscenza delle piste e perché no puntare ad un altro successo, in bocca al lupo Diego, ancora non sappiamo se è nato un campione, sappiamo però che c’è un grande talento da seguire.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>