Ancora multe alle auto in divieto di sosta, la tolleranza zero della polizia municipale sembra a senso unico

di 

16 luglio 2019

Le multe di stamattina in Piazzale Trieste alle auto che occupavano gli spazi riservati ai motocicli

Le multe di stamattina in Piazzale Trieste alle auto che occupavano gli spazi riservati ai motocicli

PESARO – Ora ci si mettono anche i tedeschi a non rispettare le norme del Codice della Strada, parcheggiando negli spazi riservati ai motocicli. È accaduto stamattina, alle ore 9,45, in Piazzale Trieste, dove due agenti della polizia municipale hanno lasciato lo sgradito foglietto sul tergicristallo di una Renault con targa tedesca.

Non potevano fare altro, le due agenti davanti a un parcheggio scorretto. Analogo “ricordo” è stato lasciato anche su un’altra auto con targa italiana parcheggiata pochi metri, sempre negli spazi riservati alle due ruote.

Eppure si ha l’impressione, girando la città, che a essere colpiti siano soprattutto gli automobilisti che parcheggiano in maniere scorretta, mentre altre infrazioni al Codice della Strada passino inosservate.

Per esempio, ci piacerebbe conoscere il numero delle infrazioni per divieto di sosta e quelle per guida utilizzando il telefono cellulare sia in auto sia in bicicletta. Ma – attenzione – è in deciso aumento anche il pericolosissimo utilizzo dei cosiddetti smartphone, telefoni intelligenti, anche da parte dei giovani scooteristi. Basta fermarsi un attimo a un semaforo o a una rotatoria per notare che sono numerosi gli automobilisti che guidano mostrando un sorriso ebete. Non stanno ricordando una barzelletta ascoltata la sera prima, telefonano. E se il telefono è intelligente, chi lo usa è uno stupido. Che, se non ci si offende, sarebbe più opportuno scriverlo al femminile, visto che – osservando attentamente il traffico veicolare e dei velocipedi – a guidare telefonando sono soprattutto le donne.

Dunque, se un disattento passante nota tante persone che telefonano mentre guidano o pedalano sul marciapiede, chissà quanti ne vedono glia genti della polizia municipale, assai più bravi di noi nel cogliere le infrazioni. Di conseguenza, i verbali e le conseguenti contravvenzioni dovrebbero essere un gran numero.

Invece abbiamo la sensazione che i più presi di mira siano soprattutto gli automobilisti che parcheggiano fuori dagli spazi riservati a dimenticano di pagare la sosta.

La polizia municipale può correggerci.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>