Maltrattamenti e vessazioni a donne in ambito familiare: ben cinque casi sul tavolo del commissariato fanese. Emesse quattro misure cautelari

di 

31 luglio 2019

FANO – Il Commissariato di Polizia di Fano si è occupato, nell’ultimo periodo, di cinque casi di violenza di genere verificatisi in città. Nello specifico, i poliziotti hanno proceduto sia penalmente che amministrativamente nei confronti di cinque uomini, tutti italiani residenti a Fano, resisi responsabili in quattro casi di maltrattamenti in famiglia, lesioni e altri reati mentre, in un  caso, di atti persecutori, tutti rivolti contro donne.

In tutti i casi le continue vessazioni subite da mogli o coniugi o conviventi, avevano condotto le vittime ad un livello di esasperazione e disperazione tale da spingerle a presentarsi agli agenti dell’Ufficio Anticrimine del Commissariato fanese, diretto dal Vice Questore dott. Stefano Seretti, dove operano poliziotte specializzate nello specifico settore.

Le indagini hanno evidenziato il clima di assoluta ansia e timore vissuto nella quotidianità dalle donne, caratterizzata da continui atteggiamenti prevaricatori, minacce, umiliazioni, privazioni e scatti d’ira fino a sfociare in vere e proprie aggressioni fisiche e, in un caso, anche in violenza sessuale.

Le elaborate indagini degli agenti relativamente ai cinque casi hanno portato a procedere in quattro di questi con altrettante segnalazioni all’Autorità Giudiziaria per i reati di maltrattamenti contro familiari e conviventi, percosse, lesioni, violenza sessuale, minacce aggravate tanto da comportare l’emissione, da parte del Tribunale di Pesaro, di provvedimenti di applicazione di rispettive 4 misure cautelari di cui un divieto di avvicinamento, un allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento, una custodia cautelare in carcere e un allontanamento d’urgenza dalla casa familiare con custodia in un luogo di cura.

Nel restante caso, gli elementi scaturiti dagli accertamenti degli agenti, consistenti in prevaricazioni, pedinamenti e offese vissute da una donna in fase di separazione coniugale, hanno portato all’emissione del provvedimento amministrativo dell’ammonimento del Questore, che impone all’autore di tali atti di tenere una condotta conforme alla legge, prevendendo in caso contrario, la denuncia d’ufficio per il reato di atti persecutori.

Si evidenzia il coraggio delle vittime nel segnalare i fatti all’Autorità, nonostante le difficoltà dovute alle minacce e all’isolamento alle quali le stesse erano state costrette, unica via per interrompere la spirale di sopraffazioni e violenze e permettere alle stesse di tornare a condurre un’esistenza normale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>