F.1. in Ungheria vittoria da leggenda di Hamilton su Verstappen. Podio consolatorio per Vettel

di 

4 agosto 2019

f1-2019-ungheria-sab-22 (1)BUDAPEST (Ungheria)- Lewis Hamilton scrive una pagina da leggenda andando a vincere il GP d’ Ungheria, con una rimonta sensazionale su un ottimo Max Verstappen. Con una strategia che sembrava impossibile il campione inglese, supera nel finale la Red Bull di Verstappen, che aveva già provato a resistere con successo al primo attacco della Mercedes numero 44, mettendo in difficoltà Hamilton. A quel punto in accordo con il suo box il penta campione della Stella d’ argento, si ferma a cambiare gli pneumatici, rientra e volando con giri record riagguanta Verstappen, che in crisi con gli pneumatici si arrende a quattro giri dal termine. Ora Hamilton ha saldamente in mano il sesto titolo e salvo improbabili imprevisti non si può prevedere altro. Un 10 in pagella comunque lo merita anche Max Verstappen. Dopo la sua prima pole in carriera di ieri, il giovane olandese supportato dalla solita tribuna ” arancione” dei suoi fans, ha condotto la gara con autorevolezza, dimostrando che in questa stagione è maturato tantissimo, ed oltre alle 2 vittorie, con la gara di oggi, si candida di diritto in ” futuro”, lui si augura prossimo, a nuova stella della F.1, supportato da una Red Bull al top e da una parte unit Honda potente e affidabile. Ferrari. Il terzo posto di Vettel ottenuto con un sorpasso da brividi ai danni del compagno Leclerc, invece di essere di fiducia e stimolo, è un altro preoccupante segnale di una stagione da dimenticare. Oltre quaranta secondi di distacco dalla coppia di testa, sono uno smacco troppo evidente per cercare di trovare una positività nel risultato del tedesco e del giovane monegasco. E aggiungiamo che la Red Bull e Verstappen stanno volando quasi al pari della Mercedes, sul Team di Maranello si addensano sempre più nubi nere.

LA TOP TEN. Quinto posto per Carlos Sainz , ottima gara dello spagnolo e della McLaren, che con il nono posto del giovane Lando Norris, si conferma la quarta forza del mondiale. Sesto chiude Gasly, il giovane compagno di Verstappen, lontano dal passo dell’ olandese, si barcamena e con una Red Bull così in ” forma”, il suo risultato non è certo il migliore per esorcizzare le voci di un suo taglio da parte del team. Settimo il ” grande vecchio” del Circus, Kimi Raikkonen, ancora a punti con l’ Alfa Romeo Racing. Peccato la penalizzazione di domenica scorsa in Germania, toccata anche a Giovinazzi, oggi in ombra, comunque per la squadra elvetica, più che” parente ” della Ferrari, affronta la sosta estiva con il morale alto. Ottavo posto per Valtteri Bottas, il finlandese dopo le due vittorie di inizio stagione e l’ idea di poter mettere in difficoltà il compagno subisce in modo ormai netto la supremazia di un super Hamilton. Oggi combina un pasticcio in partenza toccandosi con Leclerc, colpa o non colpa Bottas, va in bambola, non accenna a nessuna reazione e con una Mercedes sotto il sedere quello di oggi è un risultato più che negativo, considerando che Verstappen lo sta braccando per il secondo posto in classifica. Ultimo punto a disposizione per Alex Albon, che porta ancora fieno in cascina alla Toro Rosso, la monoposto di Faenza, continua nella sua crescita tecnica, peccato che oggi è venuto a mancare il supporto di Kvyat, splendido terzo sette giorni fa in Germania. Ora la pausa estiva ,si riprenderà l’ 1 settembre con Spa, un agosto ” caldo” per la Ferrari, con la speranza per i nostri colori che questo periodo serva per cercare di trovare la quadratura del cerchio, almeno per qualche successo parziale che possa ,anche se inutilmente per le classifiche,salvare a livello morale e di facciata una stagione da tregenda. Chi potrà godersi il ” sole” in qualche posto paradisiaco e rafforzarsi mentalmente per altre sfide sono Hamilton e Verstappen, cosa preoccupante per gli avversari, volano adesso figuriamoci dopo se ulteriormente ricaricati .

Buone vacanze PU 24 , ritornerà a ” rombare” con voi l’1 settembre.

ORDINE DI ARRIVO GP DI UNGHERIA:

1) HAMILTON- MERCEDES 2) VERSTAPPEN – RED BULL 3) VETTEL- FERRARI 4) LECLERC- FERRARI 5) SAINZ- McLARENRENAULT 6) GASLY- RED BULL 7) RAIKKONEN- ALFA ROMEO RACING 8) BOTTAS- MERCEDES 9) NORRIS- McLAREN- RENAULT 10) ALBON- TORO ROSSO- HONDA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>