Le meduse giganti sono sempre lì, nelle acque del nuovo porto. Altro che le imbarcazioni preventivate dall’ex sindaco Ceriscioli

di 

28 agosto 2019

Una delle meduse che in questi giorni 'frequentano' il nuovo porto

Una delle meduse che in questi giorni ‘frequentano’ il nuovo porto

PESARO – Dovevano arrivare imbarcazioni da ogni dove, yacht che avrebbero fatto impallidire le marine di Montecarlo e Porto Cervo. Sette anni fa, l’allora sindaco (ancora per poco, per fortuna della città) Ceriscioli, intervistato dal Carlino prevedeva un grande futuro per il porto di Pesaro, anzi per il nuovo porto, che in verità, prima ancora che iniziassero i lavori, per molti lupi di mare era uno spreco. Invece, Ceriscioli prevedeva un futuro molto positivo, tanto che il Carlino, sintetizzando le certezze del sindaco, titolava: “La nuova darsena per i diportisti farà bene alla città e al turismo”.

Infatti… Se volete divertirvi, leggete l’articolo pubblicato l’8 giugno 2013. Noi ci limitiamo a uno stralcio, partendo dalla domanda della giornalista…

…con un montaggio fotografico l’amministrazione ha immaginato come potrebbe diventare la nuova darsena, attrezzata di pontili galleggianti, al servizio di diportisti stagionali.

“Direi che il confronto ha segnato un larghissimo consenso – rispose Ceriscioli –. Un successo in ragione del fatto che i pontili, aumentando la superficie d’attracco comporterebbero l’ aumento delle presenze turistiche in città e sia perché l’investimento, da studiare con le varie associazioni interessate alla realtà portuale, sarà sfruttabile e riallocabile durante tutto l’avanzamento dei lavori e dopo”.

Al momento, di nuovi arrivi non se ne vedono, a meno che per “presenze turistiche” Ceriscioli intendesse quelle delle meduse… (rileggi qui precedente articolo Pu24)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>